Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

domenica 27 aprile 2014

Il giorno dei quattro Papi


Il giorno dei quattro Papi

 

 Oggi a Roma si è vissuta una giornata tutta centrata intorno al papato cattolico, istituzione attraversata dall'anno scorso da una crisi gravissima, che riguarda diversi profili, quello morale, quello politico e quello religioso, e che ha reso eclatanti, manifestandole platealmente al mondo, tensioni violente che riguardano l'intera nostra collettività di fede, in Italia come altrove nel mondo. Si è trattato di questo: i due Papi viventi hanno  proclamato santi, con l'autorità propria del papato, due loro predecessori che hanno impersonato due modi diversi di governare quelle tensioni. L'hanno fatto convocando a Roma, il centro di quello che per il diritto canonico, il diritto proprio della nostra collettività religiosa, è il loro impero religioso, simbolo della potenziale unità del genere umano intorno a un ideale di fede, popoli da tutta la Terra, intendendo dare all'evento un significato e una rilevanza che coinvolgessero il più ampiamente possibile tutte le nostre collettività ed ogni aspetto delle questioni che ai tempi nostri le travagliano dividendole in sostenitori di contrastanti fazioni e modelli. In questione era, è, e rimarrà a lungo, la svolta impressa alla nostra confessione di fede dal papa Giovanni Paolo 2°, che ha regnato per un tempo lunghissimo, dal 1978 al 2005, cambiando profondamente il modo in cui si concepisce e si impersona storicamente l'essere cattolici nel mondo contemporaneo, in tutti i ruoli in cui si può farlo: laici, clero e religiosi; popolo e persone di governo e, quanto a queste ultime, preti e vescovi, fino  quel particolare vescovo che è il papa. Tutto questo è emerso poco dalle cronache delle liturgie di canonizzazione. Un po' perché esse a volte sono state fatte da persone poco addentro ai problemi religiosi, le quali quindi si solo limitate all'esteriorità;  altre volte perché, quando sono state fatte da gente più addentro ai problemi, si è preferito presentare per ora solo lo svolgimento degli eventi, lasciando a tempi successivi la loro interpretazione, separando in tal modo  i fatti da quelle che si possono considerare opinioni; altre volte infine perché si è voluto tagliar corto con queste ultime, volendo imporre nella narrazione di ciò che stava accadendo una ricostruzione ideologica che proponeva come già raggiunto e assodato un risultato di ritrovata unità e consenso che è molto lontano dall'esserlo realmente.
  Ventisette anni di storia, il tempo del regno del papa Giovanni Paolo 2°, è un periodo molto lungo, anche per tempi in cui la durata media della vita supera gli ottant'anni. In realtà il periodo su cui si deve riflettere è molto più lungo e può considerarsi iniziato con i fermenti prodottisi nella nostra confessione religiosa negli scorsi anni '50.  E' il tempo di due generazioni.  Bisogna essere tra i settanta e gli ottantacinque anni per averlo vissuto consapevolmente tutto. E sui sessanta per aver vissuto consapevolmente quella sua parte che seguì la svolta epocale costituita dal Concilio Vaticano 2° (1962-1965). Tutti coloro che hanno meno di quarant'anni hanno conosciuto un unico modello di collettività religiosa cattolica, quello proposto da  quel Papa. Non sono stati partecipi del vivace contrasto che oppose i sostenitori di questa idea di collettività religiosa a quelli che proponevano un diverso modello, diverso da quello della cristianità, intesa come integrazione forte tra idee religiose e forme di politica civile che caratterizzò il medioevo europeo e che iniziò a incrinarsi nel Seicento. Questo modello alternativo è stato in realtà un insieme di modelli anche piuttosto diversi e solo per darne un'idea complessiva, anche se approssimativa, lo possiamo collegare al pensiero del filosofo francese Jacques Maritain (1882-1973), di cui Giovanni Battista Montini, il papa Paolo 6°, fu uno dei principali divulgatori in Italia, negli anni '30. Sempre in linea di prima approssimazione, per rendere un'idea del problema, potremmo quindi dire che sono in questione due modelli di collettività di fede, quello proposto dal papa Paolo 6° e quello attuato dal papa Giovanni Paolo 2°.  Entrambi sono stati una via di realizzazione dei quell'aggiornamento che è stato al centro del movimento innescato alla fine degli anni Cinquanta durante il pontificato del papa Giovanni 23°.  Essi sono  stati per molti versi divergenti, in particolare per quanto riguarda il ruolo dei laici nelle nostre collettività di fede. Quello  riconducibile al Maritain ha caratterizzato la spiritualità dell'Azione Cattolica nella fase di realizzazione delle idee di rinnovamento religioso proposte nei documenti del Concilio Vaticano 2°;  quello proposto da Giovanni Paolo 2° rifletteva l'esperienza della Chiesa polacca sotto il regime comunista ed era molto più clericale. Il clericalismo del modello polacco era stato storicamente determinato dall'esigenza di mantenere faticosamente spazi di libertà politica sotto l'egida delle autorità religiose, sfruttando i ristretti margini di autonomia che nella Polonia comunista erano stati mantenuti dai cattolici ma solo all'interno delle organizzazioni confessionali. In Polonia negli anni '70 e '80 esso era un modello rivoluzionario,. Trapiantato nell'Italia democratica della fine degli anni '70, il modello polacco venne adottato dalle correnti religiose che si opponevano al moto di riforma religiosa conciliare, in particolare alla concreta realizzazione di nuove forme di impegno autonomo nelle questioni di fede del laicato, in sostanza da quelli che rimpiangevano nostalgicamente la nostra collettività religiosa nazionale com'era fino alla metà degli anni Cinquanta, quella che possiamo collegare alla figura del papa Pio 12°, caratterizzata da grandi folle radunate periodicamente intorno a un Papa ieratico, con forti tratti sacrali. In Italia, generalmente, i reazionari religiosi lo erano anche nelle questioni politiche e si opponevano all'azione dei cattolici democratici.
 I cambiamenti del post-concilio furono piuttosto problematici in Italia, anche perché complicati da questioni politiche, determinate dal fatto che il governo nazionale era espresso da una forza politica che aveva stretto un patto tattico con il papato. Essa era stata creata dal cattolicesimo democratico italiano, un movimento di riforma sociale, politica e religiosa le cui radici possiamo seguire fino dalla fine del Settecento. Il cattolicesimo democratico italiano era stato parte della coalizione politica che aveva vinto il fascismo storico italiano, regime con cui il papato italiano, regnante il papa Pio 11°, era venuto a una conciliazione, con i Patti Lateranensi del 1929. L'azione del cattolicesimo democratico italiano fu la via che permise il riscatto del papato dal disonore di quel patto, di cui oggi in genere si tende, negli ambienti cattolici, a sminuire la rilevanza religiosa e politica, proprio perché sentito come disonorevole. In realtà esso fu un accordo di grande rilevanza, che ebbe importanti effetti sulla cattolicità italiana, come a tempi nostri è architettonicamente simboleggiato dallo stradone in travertino funerario fatto realizzare a Roma dal Mussolini davanti al pretenzioso chiesone vaticano, emblematico della via libera che il capo supremo della nostra confessione religiosa di quel tempo lasciò al regime autoritario fascista. La nostra gerarchia religiosa si condusse di conseguenza. Ecco ad esempio come l'arcivescovo di Bologna, il cardinale Giovanni Battista Nasalli Rocca plaudeva, nel 1938, al duce italiano per l'appoggio fornito al generale  Francisco Franco, futuro despota fascista spagnolo, durante la guerra civile spagnola:
 "L'efficacia delle preghiere si è provata in questo momento e sia benedetta la Provvidenza che ad allontanare così sinistre catastrofi si è servita dell'Italia nostra e dell'Uomo, al Quale Essa ha affidata le nobili sorti. All'Italia e a Lui moltiplichi Iddio le grazie, i suoi lumi, i suoi celesti e più grandi carismi pari all'altissima missione che hanno nel mondo" [in F.Battelli, Fra età moderna e contemporanea, pag.339; citato in A.Mandreoli, Il cardinale Nasalli Rocca e "L'Avvenire d'Italia" (Bologna, 1943-1945),  in Il Margine, n.8/2013.
Il passaggio delicatissimo che la nostra collettività di fede italiana attraversò negli anni '70, regnante il papa Paolo 6°, fu caratterizzato, secondo una linea di sviluppo che partiva dalla fine dell'Ottocento, dalla riflessione sulla democrazia, sui nessi tra fede religiosa e democrazia e su forme di democratizzazione dell'organizzazione religiosa. La Chiesa di prima resisteva, mettendo a rischio il patto tattico politico tra cattolicesimo democratico e organizzazione religiosa dominata dai papi su quali si era fondata la rinascita democratica italiana dopo la sconfitta ideale, morale, politica e militare del fascismo storico. I nostalgici della Chiesa di prima  esprimevano tendenze reazionarie, sia nelle questioni di fede che in politica, che vennero ad aperto conflitto con i moti di riforma attuati sull'onda dell'aggiornamento  conciliare. Tempi durissimi, dei quali in genere si è persa memoria. L'allentamento del patto, mediato dallo statista Alcide De Gasperi (1881-1954), tra il cattolicesimo democratico italiano e l'organizzazione religiosa della cattolicità italiano iniziò  destabilizzare l'ordinamento politico italiano, e questo in un'epoca in cui i cattolici in blocco, senza distinzione tra componenti reazionarie e riformatrici, papiste e conciliari, politiche, culturali e religiose, erano colpite dal generale discredito della altre componenti culturali e politiche su cui si era imperniata la nuova democrazia di popolo italiana dopo la caduta del fascismo. Una situazione gravissima che travagliava e addolorava l'alta spiritualità di papa Montini, nella prospettiva addirittura  di uno scisma della nostra confessione, minacciato da non pochi in religione, arrivando alcuni a definire eretici i deliberati del Concilio Vaticano 2° e usurpatori i  Papi del concilio, Giovanni 23° e Paolo 6°,  e di un imminente crollo del regime politico democratico italiano, che si era strutturato intorno al patto tattico (quindi imposto da contingenti situazione storiche, non da una reale e profonda convergenza ideale) di cui ho detto tra i cattolici democratici e la gerarchia cattolica. Il punto più drammatico di quell'epoca fu raggiunto tra il marzo e il maggio del 1978 con il sequestro e l'assassino di Aldo Moro, presidente della Democrazia Cristiana, uno degli esponenti di maggiore autorità morale e intellettuale del cattolicesimo democratico italiano, amico personale del papa Paolo 6°. Nell'agosto di quello stesso anno morì papa Montini. Mio zio Achille, sociologo molto ascoltato all'epoca nel mondo cattolico italiano, mi condusse su Ponte Sisto, qui a Roma, e rivolto verso la basilica vaticana mi disse: "E' la fine di un'epoca". E con una chiave incise queste parole sulla parapetto in ferro che all'epoca era ancora montato su quel ponte.
  Fu allora eletto papa Albino Luciani, che assunse il nome di Giovanni Paolo 1°, volendo con ciò significare che avrebbe proseguito l'opera dei suoi predecessori Giovanni 23° e Paolo 6°. Ma le cose dovevano andare diversamente: a settembre di quell'anno anche papa Luciani morì.
 Venne allora eletto papa il cardinale polacco Karol Wojtyla, che assunse significativamente il nome di Giovanni Paolo 2°. Egli sicuramente proseguì l'aggiornamento  conciliare innescato dal papa Giovanni 23°, ma non nella direzione impressa dal papa Paolo 6°. Nel giro di circa un decennio il modello ispirato alla visione del Maritain fu abbandonato, resistendo pervicacemente quasi solo in Azione Cattolica, per altro molto depotenziata sotto diversi profili,   e venne promosso il modello polacco, sul quale era già in linea il movimento che ambiva, e ancora ambisce, a sostituire l'Azione Cattolica come principale strumento di azione sociale, culturale e politica dei cattolica.
 L'autorevolezza e la fama del papa Giovanni Paolo 2° furono molto accresciute dal ruolo molto importante che egli svolse nella politica polacca del suo tempo e, di riflesso, sull'evoluzione dei regimi politici europei dominati dall'Unione Sovietica, nonché sullo stesso regime sovietico.
 Il modello di organizzazione religiosa promossa dal papa Giovanni Paolo 2° fu, nelle cose di fede,  clericale e reazionario alla base e molto innovatore al vertice, mentre fu molto innovatore in politica, sia alla base che al vertice (in ciò differenziandosi dalle consuetudini italiane che vedevano andare di pari passo tendenze reazionarie religiose e politiche). I gesti e le idee di innovazione vennero sostanzialmente riservati al Papa  e ve ne furono di molto rilevanti, fino a quelli, veramente epocali, che caratterizzarono il Grande Giubileo dell'Anno 2000. L'autonomia di quella che possiamo considerare base non venne tollerata e, in molti casi, venne duramente repressa. Questo ha comportato, complessivamente, un impoverimento della collettività religiosa italiana, in cui il discorso sull'autonomia del laicato era stato molto avanzato. Da un fedele laico, in sostanza, ci si attese sostanzialmente che fosse un ripetitore delle idee promulgate nelle encicliche papali, ovvero, sfruttando la forza del numero, una specie di altoparlante del Papa regnante. In questo modo, riservando i moti di riforma al vertice romano della nostra confessione religiosa, si normalizzarono le tensioni che travagliavano le nostre collettività, che comunque, per la verità, rimasero latenti. Un esempio di ciò  a cui mi riferisco fu proprio ciò che accadde a mio zio Achille in quegli anni, che, a quanto mi parve, venne duramente emarginato, in qualche modo sconfessato, in particolare nel suo ruolo di testimone privilegiato dell'esperienza politica e religiosa di Giuseppe Dossetti, uno dei protagonisti del Concilio Vaticano 2°.
  La collettività religiosa italiana, anche se ormai non riesce forse più ad avvedersene, sta vivendo ancora in pieno modello polacco. Ma quest'ultimo poteva funzionare solo con un papa come Giovanni Paolo 2° al vertice. Venuta a mancare la sua guida, ben prima della sua morte, diciamo in un'epoca compresa tra il 2001 e il 2004, con l'aggravarsi della sua dolorosa malattia, esso manifestò la sua insufficienza. Rimasero le tendenza clericali e reazionarie nella base, senza più il potenziale di innovazione ai vertici. Anzi, al vertice venne un uomo, di alta spiritualità e di elevato profilo morale e intellettuale, ma la cui azione fu diretta a ridimensionare, con azione basata sull'autorità papale non con la convocazione di una nuova assemblea mondiale dei vescovi, la portata dell'aggiornamento  conciliare, cercando di ricreare una continuità ideale tra la Chiesa  di prima  e la Chiesa dopo il Concilio Vaticano 2°. Ma l'aggiornamento promosso dal papa Giovanni 23° era stato reso necessario dalla constatazione che la Chiesa  di prima non era più adatta ai tempi nuovi prodottisi dopo la caduta europea dei regimi nazi-fascisti e la decolonizzazione a livello mondiale. Occorreva scrutare evangelicamente i segni dei tempi e agire di conseguenza. Il manifesto, insieme politico e religioso, di questo nuovo corso fu espresso in modo strepitoso nella fondamentale enciclica Pacem in terris [=la pace in terra] del papa Giovanni 23°, del 1963, in chi si trovano condensati tutti i grandi principi ideali che caratterizzarono la nuova era politica mondiale, quella che possiamo definire dei diritti umani, dal 1948, che troviamo anche nella vigente Costituzione della Repubblica italiana. Il papa Paolo 6°, nel 1967, nell'emozionante enciclica Populorum progressio [=lo sviluppo dei popoli] chiamò tutte le genti di buona volontà, i credenti e i non credenti ad attuarli, collaborando alla grande opera comune:
"APPELLO FINALE
Cattolici
81. Noi scongiuriamo per primi tutti i Nostri figli. Nei paesi in via di sviluppo non meno che altrove, i laici devono assumere come loro compito specifico il rinnovamento dell'ordine temporale. Se l'ufficio della gerarchia è quello di insegnare e interpretare in modo autentico i principi morali da seguire in questo campo, spetta a loro, attraverso la loro libera iniziativa e senza attendere passivamente consegne o direttive, penetrare di spirito cristiano la mentalità della loro comunità di vita. Sono necessari dei cambiamenti, indispensabili delle riforme profonde: essi devono impegnarsi risolutamente a infondere loro il soffio dello spirito evangelico. Ai Nostri figli cattolici appartenenti ai paesi più favoriti Noi domandiamo l'apporto della loro competenza e della loro attiva partecipazione alle organizzazioni ufficiali o private, civili o religiose, che si dedicano a vincere le difficoltà delle nazioni in via di sviluppo. Essi avranno senza alcun dubbio a cuore di essere in prima linea tra coloro che lavorano a tradurre nei fatti una morale internazionale di giustizia e di equità.
Cristiani e credenti
82. Tutti i cristiani, Nostri fratelli, vorranno, non ne dubitiamo, ampliare il loro sforzo comune e concertato allo scopo di aiutare il mondo a trionfare dell'egoismo, dell'orgoglio e delle rivalità, a superare le ambizioni e le ingiustizie, ad aprire a tutti le vie di una vita più umana, in cui ciascuno sia amato e aiutato come il fratello dai fratelli. E, ancora commossi al ricordo dell'indimenticabile incontro di Bombay con i Nostri fratelli non cristiani, di nuovo Noi li invitiamo a cooperare con tutto il loro cuore e la loro intelligenza, affinché tutti i figli degli uomini possano condurre una vita degna dei figli di Dio.
Uomini di buona volontà
83. Infine, ci volgiamo verso tutti gli uomini di buona volontà consapevoli che il cammino della pace passa attraverso lo sviluppo. Delegati presso le istituzioni internazionali, uomini di stato, pubblicisti, educatori, tutti, ciascuno al vostro posto, voi siete i costruttori di un mondo nuovo. Supplichiamo Dio onnipotente di illuminare la vostra intelligenza e di fortificare il vostro coraggio nel risvegliare l'opinione pubblica e trascinare i popoli. Educatori, tocca a voi suscitare fin dall'infanzia l'amore per i popoli in preda all'abbandono. Pubblicisti, vostro è il compito di mettere sotto i nostri occhi gli sforzi compiuti per promuovere il reciproco aiuto tra i popoli, così come lo spettacolo delle miserie che gli uomini hanno tendenza a dimenticare per tranquillizzare la loro coscienza: che i ricchi sappiano almeno che i poveri sono alla loro porta e fanno la posta agli avanzi dei loro festini.
Uomini di stato
84. Uomini di stato, su voi incombe l'obbligo di mobilitare le vostre comunità ai fini di una solidarietà mondiale più efficace, e anzitutto di far loro accettare i necessari prelevamenti sul loro lusso e i loro sprechi per promuovere lo sviluppo e salvare la pace. Delegati presso le organizzazioni internazionali, da voi dipende che il pericoloso e sterile fronteggiarsi delle forze ceda il posto alla collaborazione amichevole, pacifica e disinteressata per uno sviluppo solidale dell'umanità: un'umanità nella quale sia dato a tutti gli uomini di raggiungere la loro piena fioritura.
Uomini di pensiero
85. E se è vero che il mondo soffre per mancanza di pensiero, Noi convochiamo gli uomini di riflessione e di pensiero, cattolici, cristiani, quelli che onorano Dio, che sono assetati di assoluto, di giustizia e di verità: tutti gli uomini di buona volontà. Sull'esempio di Cristo, Noi osiamo pregarvi pressantemente: «Cercate e troverete» (Lc 11, 9), aprite le vie che conducono, attraverso l'aiuto vicendevole, l'approfondimento del sapere, l'allargamento del cuore, a una vita più fraterna in una comunità umana veramente universale.
Tutti all'opera
86. Voi tutti che avete inteso l'appello dei popoli sofferenti, voi tutti che lavorate per rispondervi, voi siete gli apostoli del buono e vero sviluppo, che non è la ricchezza egoista e amata per se stessa, ma l'economia al servizio dell'uomo, il pane quotidiano distribuito a tutti, quale sorgente di fraternità e segno della Provvidenza."
 La struttura di vertice della nostra confessione religiosa, costruita per essere dominata da un papa innovatore e molto attivo, accentratore e non molto abituato a relazioni paritarie con il mondo in cui viveva, un vero sovrano religioso assoluto,  divenne, senza più quel tipo di capo, autoreferenziale, cadendo in episodi caratterizzati, per quello che si è saputo, innanzi tutto dal papa rinunciante Ratzinger il quale ha parlato di sporcizia e di arrivismo curiale, da un incredibile e insospettato degrado etico e ciò nella sostanziale indifferenza della nostra collettività religiosa, ormai assuefatta ad attendere istruzioni dall'alto, di solito senza esercizio di spirito critico.
 L'attuale Papa viene da un'esperienza molto diversa dal modello polacco. Egli si trova ad impersonare la figura di un sovrano religioso assoluto ma, apparentemente, lo fa controvoglia. Sta cercando di stimolare, anche in Italia, una ripresa del fervore della base, una ricerca di modi nuovi per parlare di fede alla gente del nostro tempo, ma, mi pare, senza molto successo finora. La collettività religiosa italiana attende da lui istruzioni, ma agli ci risponde che siamo noi stessi che, con audacia e senza timore, dobbiamo inventarcele e sperimentarle, cercando di rimanere uniti non perché sudditi di un unico sovrano, ma per i sentimenti amorevoli che dovremmo nutrire gli uni per gli altri.  Egli si è trovato a gestire il percorso che doveva concludersi con la canonizzazione del papa Giovanni Paolo 6°, che i sostenitori del modello polacco intendevano come una conferma in eterno del tipo di collettività e di organizzazione religiosa promossa da quel Papa, la chiusura per sempre, per quanto questa espressione possa valere nelle cose umani, di ogni apertura al cambiamento, di ogni mutamento di direzione di rotta. Era questa, infatti, l'ideologia che stava dietro lo slogan del "santo subito!", propagandata fin dal giorno dei funerali di quel Papa. Mi pare che il Papa oggi regnante non l'abbia accolta e che ciò sia manifestato dall'aver affiancato nella canonizzazione al papa Giovanni Paolo 2° il papa Giovanni 23°, il quale aveva il processo di aggiornamento che costituì il centro del lavoro del Concilio Vaticano 2°. Giovanni 23° morì prima della conclusione dei lavori del Concilio, quindi non mise mano alla fase attuativa. L'aver deciso di canonizzare o lui, e non il papa Paolo 6°, che fu, con il papa Giovanni Paolo 2°, il sovrano religioso che attuò i deliberati del Concilio Vaticano 2°, può voler significare, penso, che il papa Francesco vuole considerare ancora aperto  il discorso sull'attuazione e sviluppo delle idee conciliari, quindi non limitato alla scelta tra modello maritainiano  e modello polacco. Sicuramente c'è un altro modello che può essere preso in considerazione, e che durante il papato di Giovanni Paolo 2°  non è stato molto valorizzato (quando addirittura non è stato duramente represso), ed è quello della Chiesa di popolo che ha cominciato ad essere tratteggiata nella Conferenza dell'episcopato latino-americano di Medellin, nel 1968, che intese rispondere all'appello del papa Paolo 6° alle genti della Terra che ho sopra ricordato. Questo modello è scaturito da un'esperienza storica che sicuramente è molto presente all'attuale Papa.
 Di ciò che ho scritto sono stato personale testimone: ho l'età giusta per esserlo stato.
  
Mario Ardigò - Azione Cattolica in San Clemente papa - Roma, Monte Sacro, Valli

  

 

 

 

 

  

 

Domenica 27-4-14 – Ottava di Pasqua - 2° Domenica di Pasqua o della Divina Misericordia - Letture e sintesi dell’omelia della Messa delle nove

Domenica 27-4-14– Lezionario dell’anno A per le domeniche e le solennità – Ottava di Pasqua - 2° Domenica di Pasqua o della Divina Misericordia - salterio: proprio del tempo – colore liturgico: bianco - Letture e sintesi dell’omelia della Messa delle nove
 
Osservazioni ambientali: temperatura 18° C; cielo: nuvoloso. Canti: ingresso, E' la Pasqua del Signore; Offertorio, Laudato si mi Signore; Comunione, Le tue mani.
Il gruppo di AC era nei banchi a sinistra dell'altare, guardando l'abside.
 
Buona Domenica a tutti i lettori!
 
Oggi vengono canonizzati i papi beati Giovanni 23°, Angelo Giuseppe Roncalli (1881-1963, papa dal 1958 al 1963),  Giovanni Paolo 2° (1920-2005, papa dal 1978 al 2005).
 
Prima lettura
Dagli Atti degli apostoli (At 2,42-47)
 
 Quelli che erano stati battezzati erano perseveranti  nell'insegnamento degli appostoli e nella comunione, nello spezzare il pane  e nelle preghiere. Un senso di timore era in tutti, e prodigi e seni avveniva per opera degli apostoli. Tutti i credenti stavano insieme e avevano ogni cosa in comune; vendevano le loro proprietà e sostanze e le dividevano con tutti, secondo il bisogno di ciascuno. Ogni giorno erano perseveranti nel tempio e, spezzando il pane nelle case, prendevano cibo con letizia e semplicità di cuore, lodando Dio e godendo il favore di tutto il popolo. Intanto il Signore ogni giorno aggiungeva alla comunità quelli che erano salvati.

 

 

Salmo responsoriale (dal salmo 118)

 

Ritornello:
Rendete grazie al Signore perché è buono: il suo amore è per sempre.

 

Dica Israele:
"Il suo amore è per sempre".
Dica la casa di Aronne:
"Il suo amore è per sempre".

 

Mi avevano spinto con forza per farmi cadere,
ma il Signore è stato il mio aiuto.
Mia forza e mio canto è il Signore,
egli è stato la mia salvezza.
Grida di giubilo e di vittoria
nelle tende dei giusti:
la destra del Signore ha fatto prodezze.

 

La pietra scartata dai costruttori
è divenuta la pietra d'angolo.
Questo è stato fatto dal Signore:
una meraviglia ai nostri occhi.
Questo è il giorno che ha fatto il Signore:

rallegriamoci in esso ed esultiamo!

 

 

Seconda lettura
Dalla prima lettera di san Pietro Apostolo (2Pt 1,3-9)
  
 Sia benedetto Dio e Padre del Signore nostro Gesù Cristo, che nella grande misericordia ci ha rigenerati, mediante la risurrezione di Gesù Cristo morti, con un speranza viva, per un'eredità che non si corrompe, non si macchia e non marcisce. Essa è conservata nei cieli per voi, che dalla potenza di Dio siete custoditi mediante la fede, in vista della salvezza che sta per essere rivelata nell'ultimo tempo. Perciò siete ricolmi di gioia, anche se ora dovete essere, per un po' di tempo, afflitti da varie prove, affinché la vostra fede, messa alla prova, molto più preziosa dell'oro -destinato a perire e tuttavia purificato con fuoco-, torni a vostra lode, gloria e onore quando Cristo si manifesterà. Voi lo amate, pur senza averlo visto e ora, senza vederlo, credete in lui. Perciò esultate di gioia indicibile e gloriosa, mentre raggiungete la meta della  vostra salvezza: la salvezza delle anime.
 
Sequenza
 
Alla vittima pasquale,
s'innalzi oggi il sacrificio di lode.
L'agnello ha redento il suo gregge,
l'innocente ha riconciliato
noi peccatori col Padre.
 
Morte e vita si sono affrontate
in un prodigioso duello.
Il Signore della vita era morto,
ma ora, vivo, trionfa.
 
"Raccontaci, Maria:
che hai visto sulla via?".
"La tomba del Cristo vivente,
la gloria del Cristo risorto,
e gli angeli suoi testimoni,
il sudario e le sue vesti.
Cristo, mia speranza, è risorto:
precede i suoi in Galilea".
 
Sì, ne siamo certi:
Cristo è davvero risorto.
Tu, Re vittorioso,
abbi pietà di noi.
 
 
Vangelo
Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 20,19-31)
 
  La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore di Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: "Pace a voi!". Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. Gesù disse loro di nuovo: "Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi". Detto questo, soffiò e disse loro: "Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati". Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: "Abbiamo visto il Signore!". Ma egli disse loro: "Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo". Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c'era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: "Pace a voi". Poi disse a Tommaso: "Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua  mano e mettila nel mio fianco, e non essere incredulo, ma credente!". Gli rispose Tommaso: "Mio Signore e mio Dio!". Gesù gli disse: "Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!". Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.
 
 
Sintesi dell'omelia della Messa delle nove
 
 Il brano evangelico letto nella Messa di oggi ci presenta la figura dell'apostolo Tommaso, che è ricordato come esempio di incredulità. Ma mediante la sua incredulità noi abbiamo una prova ulteriore della resurrezione di Gesù, che egli ha voluto toccare con mano. Gesù risorto è stato in mezzo a discepoli, ha mangiato con loro, si è potuto toccarlo.
 Gli altri due brani biblici ci presentano la vita della Chiesa delle origini. Una Chiesa piena di gioia, credente anche senza aver visto Gesù risorto; una Chiesa in cui le persone si ritrovavano insieme, come noi in questa Messa, per spezzare il pane, quindi per celebrare l'Eucaristia. Esse però, a differenza di noi, dividevano i propri beni, in modo che nessuno ne rimanesse privo.
  Tra noi c'è chi può permettersi diversi periodi di vacanze nell'anno e chi non riesce a trovare il minimo di che vivere.  Abbiamo quindi abbandonato l'usanza comunitaria dei primi tempi. Ma c'è anche meno gioia tra noi. Quante facce tristi a Messa! Veniamo a Messa per abitudine, infatti ad ogni Messa si vedono più o meno sempre le stesse facce. Spesso quando la Messa si prolunga guardiamo l'orologio: non manifestiamo la gioia di essere insieme per la liturgia.
 Stiamo insieme, in chiesa, ma non ci conosciamo. Siamo anonimi per gli altri. La liturgia si risolve in definitiva in un rapporto tra noi singoli e Dio. Ma non è così che si deve vivere la nostra fede. E le letture bibliche di oggi ce lo spiegano.
 La salvezza non ci viene perché siamo bravi, devoti, per le nostre preghiere e per i nostri sacrifici: ci viene donata da Dio in Gesù. Viene dalla misericordia di Dio.
 Nel 2000, il papa Giovanni Paolo 2°, che oggi viene canonizzato, intitolò la seconda domenica questa domenica alla Divina Misericordia, seguendo la spiritualità di suor Faustina Kovalska, da lui canonizzata quell'anno. Per ritrovare la gioia del fede dobbiamo convertirci, credendo che Gesù con la sua resurrezione ha veramente sconfitto la morte,  affidandoci alla Divina Misericordia, uscendo dall'anonimato e riscoprendo la fede comunitaria delle origini.
 
Sintesi di Mario Ardigò, per come ha inteso le parole del celebrante – Azione Cattolica in San Clemente Papa– Roma, Monte Sacro Valli
 



Avvisi parrocchiali:


-dal 1 maggio e fino alla fine di settembre le Messe della sera inizieranno alle 19;
-giovedì 1 maggio è il primo giovedì del Mese. Il Santissimo sarà esposto nella chiesa parrocchiale dalle 10 alle 19. In quello stesso giorno inizierà il Mese Mariano: alle ore 18 di tutti i giorni verrà recitato il Santo Rosario;
-venerdì 2 maggio  è il primo venerdì del mese: verrà portata la Comunione agli ammalati. Alle ore 18 si terrà la recita solenne del santo Rosario.
-si segnala il sito WEB della parrocchia:
 
Avvisi di A.C.:
- la riunione infrasettimanale del gruppo parrocchiale di AC si terrà il  29-4-14, alle ore 17, nell'aula con accesso dal corridoio dell'ufficio parrocchiale. I soci sono invitati a preparare una riflessione sulle letture di domenica 4-5-14: At 2,14a.22-23; Sal 16; 1Pt 1,17-21; Lc 24,13-35;
- si segnala il nuovo sito WEB dall'AC diocesana: www.acroma.it
- si segnala il sito WEB www.parolealtre.it , il nuovo portale di Azione Cattolica sulla formazione;
- si segnala il sito WEB Viva il Concilio http://www.vivailconcilio.it/
iniziativa attuata per conoscere la storia, lo spirito e i documenti del Concilio Vaticano 2° (1962-1965) e per scoprirne e promuoverne nella società di oggi tutte le potenzialità.
-si segnala il blog curato dal presidente http://blogcamminarenellastoria.wordpress.com/

CALENDARIO PASTORALE MAGGIO 2014



venerdì 25 aprile 2014

Il nostro 25 aprile


Il nostro 25 aprile
 

 Di solito non si considera la valenza religiosa della festa civile del 25 aprile, eppure bisognerebbe farlo. Quel giorno del 1945, preso convenzionalmente come indicativo della Liberazione  italiana, in uno dall'occupazione dell'armata germanica guidata dai nazisti e dall'ultimo  mortifero fascismo storico, quel giorno in cui Milano insorse e finì nelle mani di coloro che il regime definiva banditi ed essi invece ribelli, segnò infatti anche l'inizio di un riscatto propriamente religioso, dopo la disonorevole compromissione della Chiesa cattolica italiana, capi e fedeli, con il Mussolini.  Un lavoro che non è ancora compiuto.
 Oggi in religione si insegna che la Chiesa cattolica italiana cercò di opporsi al fascismo, ma, riflettendoci bene su, bisogna riconoscere che questo non è vero. Vi furono effettivamente antifascisti cattolici, ma furono una esigua minoranza e, soprattutto, essi furono fortemente contrastati dalla gerarchia.  Di solito, ai tempi nostri, si ricordano gli interventi pontifici contro le pretese assolutistiche del fascismo italiano in campo morale, che in qualche caso certamente vi furono, ma il clima generale era un altro, soprattutto dopo la conclusione con il fascismo, nel 1929, dei Patti Lateranensi, regnante il papa Pio 11°, che ne porta la maggiore responsabilità morale e politica, in quanto imperatore religioso: essi ci hanno lasciato in dote la Città del Vaticano, il simulacro di stato entro il quale tutti i cattolici non residenti sono giuridicamente stranieri.
 La compromissione del papa all'epoca regnante nel cedimento al capo del fascismo ha impedito, dopo la caduta del regime mussoliniano, quella che, con espressione di molto posteriore, indichiamo come purificazione della memoria, il distacco morale dagli esempi negativi del passato. I cattolici non vanno contro il papa, in particolare contro i papi più recenti. Ma in questo caso sarebbe stato proprio un papa a dover essere messo in questione.
 I cattolici furono nella grande maggioranza fascisti: non furono costretti ad esserlo. Ci fu chi non accettò di divenirlo, rischiando al più il posto di lavoro statale, ma non la vita. Fu quello che fece, dando un luminoso esempio di vita nella nostra fede,  il grande storico Ernesto Buonaiuti, prete,  scomunicato in quanto trovato reo di modernismo. Non lui dovrebbe essere riabilitato, come l'altro giorno ha osservato la professoressa Corradi a proposito di don Milani, ma la Chiesa italiana! Il papa non era obbligato ad accettare il compromesso con il fascismo. I vescovi italiani non erano obbligati a mostrarsi accondiscendenti verso il regime. La situazione italiana non era uguale a quella tedesca. Tanto è vero che quando il Papa e i vescovi italiani accettarono di assecondare il moto popolare che cercava di fornire una qualche protezione agli ebrei minacciati di deportazione nei campi di internamento tedeschi, fu possibile farlo. Bisogna ricordare però che le leggi fasciste di discriminazione,  che pur non comportando lo sterminio e la perdita della cittadinanza,  inflissero malvagiamente gravissime limitazioni alle libertà civili, economiche e politiche degli ebrei italiani, furono accettate dalla gran parte dei cattolici italiani e anche del clero, compreso l'alto clero.
 Ai tempi nostri, soprattutto nell'attuale clima di glorificazione del potere papale che stiamo vivendo in questi giorni a Roma, si tende a sorvolare su tutto questo.
 La festa del 25 aprile potrebbe essere un'occasione per rifletterci sopra.
 Quanto diversa è stata, ad esempio, la figura di Benigno Zaccagnini, il quale, mentre l'alto clero della sua regione andava in genere in altra direzione, ragionava così:
 "Alla fine accettai, Tommaso Moro, che per noi cattolici era un simbolo di libertà e di opposizione all'assolutismo di stato, divenne il mio nome di battaglia. Che cos'era, per noi che abbiamo combattuto il fascismo e il nazismo, la Resistenza? La Resistenza è stata innanzi tutto una intima e profonda scelta morale, compiuta dai giovani e dai non giovani. Una scelta difficile, per un impegno che si sentiva sorgere dal profondo della coscienza: una scelta fra assistere passivamente e subire gli eventi o cercare di assumersi le proprie responsabilità, coi rischi connessi, per orientare il senso della storia, delle vicende storiche che stavamo vivendo, per l'affermazione di alcuni fondamentali valori nei quali credevamo, perché radicati nella nostra coscienza. Libertà e partecipazione, giustizia e solidarietà, pace. Valori umani universali che hanno dato e danno forza morale alla politica. Aldilà delle distinzioni dei partiti che della politica sono solo strumenti. Ognuno con una sua verità e idealità parziale, ma uniti al servizio di un bene veramente comune.
 Guerra alla guerra: fu la Resistenza.
Ribelli per amore: furono i resistenti.
 Potevamo essere dei ribelli? Era lecita la rivolta? Noi non potevamo agire né per vendetta, né per calcolo, né per odio, ma solo per giustizia e per amore.
 Ribelli perché non avevamo nulla da difendere, ma avevamo il dovere di segnare con la rivolta la nostra radicale separazione e avversione. Ribelli per il dovere di essere non passivi testimoni di quel fallimento, ma attori impegnati a indicare con amore la linea di una nuova, più giusta, più vera, più cristiana convivenza umana.
 Dovevamo essere presenti per amore di quel mondo nuovo che tutti sognavamo, a cui ognuno offriva tutto se stesso perché portasse il segno della propria fede e della propria idea. [cit.in Ulderico Parente-Fernando Salsano, Benigno Zaccagnini - una vita a servizio della politica, AVE, 2013, pag.40-41]
Amen, amen.
 
Mario Ardigò - Azione Cattolica in San Clemente papa - Roma, Monte Sacro, Valli.

domenica 20 aprile 2014

Domenica 20-4-14– Domenica di Pasqua - Letture e sintesi dell’omelia della Messa delle nove


Domenica 20-4-14– Lezionario dell’anno A per le domeniche e le solennità – Domenica di Pasqua - salterio: proprio del tempo – colore liturgico: bianco - Letture e sintesi dell’omelia della Messa delle nove
 
Osservazioni ambientali: temperatura 18 C°; cielo: poco nuvoloso. Canti: ingresso, E' la Pasqua del Signore; Offertorio, Cosa posso dare a te; Comunione, Le tue mani son piene di fiori.
Il gruppo di AC era nei banchi a sinistra dell'altare, guardando l'abside.
 
Buona Pasqua a tutti i lettori!
 
Prima lettura
Dagli Atti degli apostoli (At 10,34a.37-43)
 
 In quei giorni, Pietro prese la parola e disse: "Voi sapete ciò che è accaduto in tutta la Giudea, cominciando dalla Galilea, dopo il battesimo predicato da Giovanni; cioè come Dio consacrò in Spirito Santo e potenza Gesù di Nazaret, il quale passò beneficando e risanando tutti coloro che stavano sotto il potere del diavolo, perché Dio era con lui. E noi siamo testimoni di tutte le cose da lui compiute nella regione dei Giudei e in Gerusalemme. Essi lo uccisero appendendolo a una croce, ma Dio lo ha risuscitato al terzo giorno e volle che si manifestasse, non a tutto il popolo, ma a testimoni prescelti da Dio, a noi che abbiamo mangiato e bevuto con lui dopo la sua risurrezione dei morti. E ci ha ordinato di annunciare al popolo e di testimoniare che egli è il giudice dei vivi e dei morti, costituito da Dio. A lui tutti i profeti danno questa testimonianza: chiunque crede in lui riceve il perdono dei peccati per mezzo del suo nome.

 

 

Salmo responsoriale (dal salmo 118)

 

Ritornello:
Questo è il giorno che ha fatto il Signore: rallegriamoci ed esultiamo.

 

Rendete grazie al Signore perché è buono,
perché il suo amore è per sempre.
Dica Israele:
"Il suo amore è per sempre".

 

La destra del Signore si è innalzata,
la destra del Signore ha fatto prodezze.
Non morirò, ma resterò in vita
e annuncerò le opere del Signore.

 

La pietra scartata dai costruttori
è diventata la pietra d'angolo.
Questo è stato fatto dal Signore;
una meraviglia ai nostri occhi.

 

 

Seconda lettura
Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Colossesi (Col 3,1-4)
 
 Fratelli, se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove è Cristo, seduto alla destra di Dio; rivolgete il pensiero alle cose di lassù, non a quelle della terra. Voi infatti siete morti e la vostra vita è nascosta con Cristo in Dio! Quando Cristo, vostra vita, sarà manifestato, allora anche voi apparirete con lui nella gloria.
 
 
Sequenza
 
Alla vittima pasquale,
s'innalzi oggi il sacrificio di lode.
L'agnello ha redento il suo gregge,
l'innocente ha riconciliato
noi peccatori col Padre.
 
Morte e vita si sono affrontate
in un prodigioso duello.
Il Signore della vita era morto,
ma ora, vivo, trionfa.
 
"Raccontaci, Maria:
che hai visto sulla via?".
"La tomba del Cristo vivente,
la gloria del Cristo risorto,
e gli angeli suoi testimoni,
il sudario e le sue vesti.
Cristo, mia speranza, è risorto:
precede i suoi in Galilea".
 
Sì, ne siamo certi:
Cristo è davvero risorto.
Tu, Re vittorioso,
abbi pietà di noi.
 
 
Vangelo
Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 20,1-9)
 
   Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall'altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: "Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'hanno posto". Pietro allora uscì insieme all'altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano tutti e due, ma l'altro  discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò. Giunse intanto Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario -che era stato sul suo capo- non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte. Allora entrò anche l'altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.
 
Sintesi dell'omelia della Messa delle nove
 
 Nelle letture bibliche della Messa di oggi si deve partire dal Vangelo e poi continuare con il brano tratto dagli Atti degli Apostoli e con la lettura tratta dalla lettera di san Paolo: infatti questi due ultimi scritti trattano di eventi successivi alla risurrezione, vengono dall'esperienza della Chiesa nascente. Qui c'è il fondamento di tutta la nostra vita. Se Cristo non è risorto, tutta la nostra vita è vana, perché tutto è fondato sul fatto che Cristo è risorto dai morti. I discepoli, Pietro e Giovanni, hanno bisogno di questa esperienza; vanno al sepolcro vuoto; videro e credettero. Tommaso invece, di cui leggeremo questa settimana, ha bisogno di toccare Gesù Cristo per credere in lui risorto, per convincersi che non è un fantasma. In questo tempo vediamo Gesù Cristo che mangia e beve con i discepoli, parla con loro, permette che lo tocchino, per dimostrare  loro che egli è veramente risorto, è veramente lui, non una sua immagine.
 Noi cristiani siamo chiamati a dare testimonianza di Gesù Cristo al mondo, di questo fatto, che Cristo è risorto. Diamo testimonianza con la nostra vita. Non basta dire che Cristo è risorto: è facile dire queste parole. Dobbiamo mostrare  con la nostra vita che Cristo è risorto.  
 Se Cristo è risorto, è risorto per noi, non per se stesso, come anche è morto per noi, non per se stesso. Lui è il Figlio di Dio, la seconda Persona della Santissima Trinità, non aveva bisogno di morire per se stesso. Lui è morto per obbedienza al Padre suo, per salvarci dalla morte.  E la morte non ha più potere su di noi, che siamo in Cristo, che siamo figlio della risurrezione.  Cristo per noi ha vinto la morte.  Come potranno credere gli altri che Cristo è risorto? Crederanno se vedranno che in me, in te, la morte non ha potere, se non abbiamo più paura della morte, perché Cristo ha vinto la morte, perché la morte non ha più potere su di noi e possiamo entrare cantando nella morte, come i primi cristiani qui a Roma, che ringraziavano Dio di poter dare il loro sangue, di entrare nella morte, per Cristo. Non erano pazzi: credevano che passando dalla morte sarebbero entrati nella vita, nella vita vera per cui Dio ci  ha creato.
 Forse per noi la vita terrena ha più importanza di quanto ne dovrebbe avere.
  Nella seconda lettura è scritto: " Fratelli, se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù". Lassù, dove è Cristo.
 Dove cerchi, tu, oggi, la tua vita? Lassù o qui sulla terra? Che cosa ha importanza per te? Le cose di lassù o le cose di questa terra?
 La nostra carne, le nostre affettività familiari, sono cose in cui noi cerchiamo la vita.  Così abbiamo gli occhi fissi su questa terra e non sul Cielo.  Ma se noi abbiamo gli occhi fissi su questa terra, non possiamo dare testimonianza al Risorto.  Perché, per dare testimonianza al Risorto, noi dobbiamo vivere per il Cielo. Vivere per Cristo. Vivere con la vita di Cristo dentro di noi.  Con la vittoria di Cristo dentro di noi. La morte è sconfitta, non ha più potere su di noi. E' questo che celebriamo. E coloro che fanno questa esperienza vivono nella gioia della risurrezione. Ai cristiani è vietato di essere tristi in questo tempo, che è il tempo della festa.  La festa della risurrezione. Dopo quaranta giorni di digiuni, di sacrifici, di fioretti, in preparazione della festa, adesso è venuta la festa e durerà cinquanta giorni, fino alla Pentecoste. In questo tempo è vietato peccare, è vietato essere tristi. Dobbiamo vivere nella gioia della risurrezione.  Cristo è risorto, è veramente risorto, e viene a noi per darci l'esperienza, nella nostra vita, della verità di questo.  Se noi non crediamo veramente che Cristo è risorto, se non c'è dentro di noi la sicurezza di questo fatto, se non c'è dentro di noi la vittoria sulla morte, siamo i più tristi di tutti gli uomini, perché viviamo sotto la legge, sotto il moralismo, cercando di essere bravi, buoni, con i nostri sforzi; cercando di guadagnarci il Cielo essendo bravi, essendo buoni. Che tristezza! Alla fine infatti non possiamo guadagnare il Cielo con i nostri sforzi, perché, se fosse possibile, Di non avrebbe mandato il suo Figlio a morire per noi; se fosse stato possibile guadagnarci il Cielo con le nostre preghiere, con le nostre buone opere. A volte passiamo la vita cercando di guadagnarci una cosa che abbiamo già ricevuto nel nostro battesimo: un dono, un dono di Dio, il Cielo, la salvezza, la vita eterna, che ci sono dati a noi in Cristo risorto. Se crediamo questo, ogni giorno della nostra vita, non solo nei prossimi cinquanta giorni del tempo di Pasqua, sarà giorno di festa, di ringraziamento, di testimonianza agli altri che la morte non esiste, perché Cristo, nella sua risurrezione, ha vinto la morte per sempre.
 
Sintesi di Mario Ardigò, per come ha inteso le parole del celebrante – Azione Cattolica in San Clemente Papa– Roma, Monte Sacro Valli
 

Avvisi parrocchiali:

-si segnala il sito WEB della parrocchia:
 
Avvisi di A.C.:
- Martedì 22-4-14 non ci sarà riunione. Le riunioni del gruppo riprenderanno martedì 29-4-14.
- si segnala il nuovo sito WEB dall'AC diocesana: www.acroma.it
- si segnala il sito WEB www.parolealtre.it , il nuovo portale di Azione Cattolica sulla formazione;
- si segnala il sito WEB Viva il Concilio http://www.vivailconcilio.it/
iniziativa attuata per conoscere la storia, lo spirito e i documenti del Concilio Vaticano 2° (1962-1965) e per scoprirne e promuoverne nella società di oggi tutte le potenzialità.
-si segnala il blog curato dal presidente http://blogcamminarenellastoria.wordpress.com/