Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

martedì 24 marzo 2015

Prolusione di Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza Episcopale Italiana, al Consiglio permanente dell’organizzazione - 23-3-15

Prolusione di Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza Episcopale Italiana, al Consiglio permanente dell’organizzazione - 23-3-15

dal WEB:
http://www.avvenire.it/Dossier/CEI/Prolusioni/Pagine/prolusione-bagnasco-consiglio-permanente-marzo-2015.aspx

Cari Confratelli.

1. L’Anno Santo della Misericordia
 I nostri lavori si aprono avendo nell’anima la lieta sorpresa che il Santo Padre Francesco ha fatto al Popolo di Dio: “Cari fratelli e sorelle, ho pensato spesso a come la Chiesa possa rendere più evidente la sua missione di essere testimone della misericordia. Per questo ho deciso di indire un Giubileo straordinario che abbia al suo centro la misericordia di Dio. Sarà un Anno Santo della Misericordia. Lo vogliamo vivere alla luce della parola del Signore: «Siate misericordiosi come il Padre»” (Papa Francesco, Omelia 13.3.2015). Ci aspetta, dunque, un particolare anno di grazia per poter fare, insieme ai nostri amati Sacerdoti e Diaconi, alle persone consacrate, alle nostre Comunità, una più intensa esperienza del cuore misericordioso di Dio, di cui Gesù è “volto vivo” (id). Sembra quasi che ai moltissimi auguri che da tutto il mondo sono arrivati al Papa per il secondo anniversario della sua elezione al ministero petrino, abbia voluto rispondere con un regalo più grande, regalo che è anche un invito e un auspicio, quello di camminare più spediti e lieti nella via della conversione del cuore e della vita personale ed ecclesiale.
  Sì, è un grande dono, e come tale non vogliamo sprecarne neppure un poco, sapendo bene che solamente se volgiamo i nostri occhi al Volto della bellezza, anche noi potremo non solo risplendere della Luce di Cristo, ma altresì illuminare gli altri con la Sua luce, che è verità liberante e salvatrice. E’ questo, infatti, il secondo scopo dell’Anno Santo: “Una nuova tappa del cammino della Chiesa nella sua missione di portare ad ogni persona il Vangelo della misericordia” (id). Cristo è il volto della misericordia del Padre – ricorda il Papa – poiché rende il cuore di Dio vicino, prossimo alla miseria umana, all’umanità povera e umiliata perché affaticata dall’antico peccato e dai peccati personali: è segnata dal “malum mundi” e dai “mala mundi”. Icona evangelica della misericordia di Dio è la parabola del buon Samaritano, nella quale Gesù non solo annuncia l’azione misericordiosa del Padre, ma ne esplicita i diversi sentimenti e i gesti coerenti.

 Ne risulta un quadro tratteggiato con alcune pennellate essenziali, come le cinque vie del prossimo Convegno Ecclesiale di Firenze ispirate all’Evangelii gaudium (cfr n. 24). L’esperienza della misericordia divina ci fa “uscire”, ci fa prendere il largo sulle strade degli altri. Nessun luogo è talmente lontano o chiuso da essere inaccessibile al Dio misericordioso e pietoso, grande nell’amore. E poi bisogna “annunciare”: anche il samaritano ha annunciato a suo modo la novità di Cristo: lo ha fatto attraverso dei gesti che parlano e dicono che Dio è presente. Con l’uscire e l’annunciare si può rimanere ancora esterni alla miseria umana: è necessario anche “abitarla”. Appunto come il Samaritano, che è entrato nella sciagura del malcapitato, nella sua paura e nella sua umiliazione: ha accettato di rallentare il proprio passo, di ritardare la marcia per abitare il bisogno altrui versandovi olio e vino. In questo modo ha svolto anche un’opera “educativa”. Come? Con il suo farsi prossimo ha immesso nel mondo il germe di una rivoluzione; ha posto in questione una visione che toccava non solo il levita di passaggio; ha gettato il guanto della sfida a una cultura individualista. Ha detto “no” a una visione che scarta il debole e lo abbandona al suo destino. E così ha iniziato quella “trasfigurazione” della realtà che si compirà in Cristo, il vero, grande Samaritano dell’umanità: con quel gesto ha preso corpo sulla terra il sogno di una umanità nuova e bella che sarà possibile grazie all’irruzione dello Spirito.
  Sull’Evangelii gaudium – sulle considerazioni e le direttrici che traccia – si concentrerà l’attenzione dell’Episcopato italiano nella prossima Assemblea Generale di maggio: ci chiederemo quanto la ricca Esortazione apostolica sia entrata nella mente e nei cuori dei credenti, e sia diventata criterio di vita spirituale e di pastorale. Nelle Conferenze Episcopali delle nostre Regioni a questo ci stiamo preparando, facendo anche un’attenta riflessione sui Lineamenta in vista del Sinodo Ordinario dei Vescovi sulla famiglia, che si celebrerà nel prossimo ottobre. Insieme al nostro Clero, rinnoviamo alle persone consacrate la nostra paterna stima e gratitudine: con le nostre comunità vogliamo vivere accanto a loro e con loro questo speciale Anno che il Santo Padre ha dedicato al grande carisma della radicale consacrazione a Dio e alla Chiesa.

2. La persecuzione dei cristiani

Sollecitati dal Papa a guardare lontano e a pensare in grande il nostro ministero e la nostra stessa umanità, non possiamo non rimanere dolorosamente attoniti di fronte alla persecuzione contro i cristiani che cresce e si incrudelisce. Il mondo della fede, del buon senso comune, il mondo dell’umano, rimane sconcertato e percosso. E si interroga: perché? Perché perseguitare e uccidere? Perché tanta barbarie compiaciuta ed esibita sul palcoscenico mediatico del mondo? Perché non fermarsi neppure davanti ai bambini, agli inermi? È forse l’odio per l’Occidente? Ormai la storia senza pregiudizi ha fatto le giuste distinzioni: gli errori del passato non coincidono in nessun modo con il Vangelo, il libro di Gesù. È forse la paura di fronte alla modernità con i suoi valori di libertà, di uguaglianza, di democrazia, di giusta laicità, di valorizzazione e di rispetto per la donna…? È forse la rabbia di sapersi perdenti di fronte alla storia che incalza inesorabile? È forse la ritorsione verso un consumismo che allenta i vincoli, stempera le idee, tende ad appiattire gli ideali e a ridurli al benessere materiale? È forse il tentativo turpe e macabro di regolare i conti all’interno del proprio mondo culturale e seminare terrore tra coloro che la pensano diversamente? C’è forse la speranza che l’Occidente ceda alle feroci provocazioni e reagisca, per poi poter gridare all’invasione o peggio, e così riattizzare vecchi fuochi? La ragione, prima ancora che le fedi, non può non condannare tanta barbara e studiata crudeltà contro le minoranze e in particolare contro i cristiani solo perché cristiani. E non può non condannare strategie folli e sanguinarie che portano indietro l’orologio della storia.
 La religione non può mai essere impugnata per uccidere o fare violenza: invocare il nome di Dio per tagliare le gole è una bestemmia che grida al cospetto del cielo e della terra. I cristiani copti, uccisi anch’essi in modo spettacolare, ci hanno ricordato il cuore del Vangelo, il vero volto del Cristianesimo. Con il cuore in ginocchio, riascoltiamo la testimonianza del fratello di due giovani martirizzati dai fondamentalisti: nostra madre “è una donna senza istruzione, con più di sessant’anni. Le ho chiesto cosa farebbe se vedesse uno dell’Isis passare per la strada e le dicessero che quello è l’uomo che ha sgozzato i suoi figli. Ha detto: chiederei a Dio di aprirgli gli occhi e gli chiederei di venire a casa nostra perché ci ha aiutati ad entrare nel Regno di Dio”! “Poiché siamo cristiani, diciamo: noi vi amiamo”, così l’Arcivescovo di Mosul, Mons. Amel Shamon Nona, che ha aggiunto: “In Oriente, quando c’è il male, crediamo che là Dio c’è di più”! Il mondo ha il dovere della giustizia e della sicurezza per tutti, ma il cristiano ha nel cuore anche il perdono quando l’ingiustizia tocca la sua carne. Non sarà di certo una macabra bandiera nera issata al posto di un crocifisso divelto che potrà uccidere l’amore di Cristo: esso è ben piantato nel cuore dei suoi discepoli.
 Noi Vescovi del Consiglio Permanente domani faremo un momento particolare di preghiera proprio per i martiri, missionari e laici, di questi tempi: a tutti loro vogliamo far sentire la vicinanza dell’amore nostro e delle nostre comunità, nonché la commossa gratitudine per l’esempio di intrepida fede. Il sangue dei martiri è seme di nuovi cristiani!
 Mentre resta urgente la responsabilità di assicurare i diritti della libertà religiosa nel mondo, ancora una volta esortiamo l’Europa a un serio esame di coscienza sul fenomeno di occidentali che si arruolano negli squadroni della morte. Non si può liquidare la questione sul piano sociologico incolpando la mancanza di lavoro nei vari Paesi: ciò può essere una concausa. Il problema è innanzitutto di ordine culturale: non si può svuotare una cultura dei propri valori spirituali, morali, antropologici senza che si espongano i cittadini a suggestioni turpi. In questo senso, la cultura occidentale è minacciata da se stessa e favorisce il totalitarismo.

3. Il Paese
 Volgiamo ora lo sguardo al nostro Paese, innanzitutto con un doveroso e convinto atto di omaggio al nuovo Capo dello Stato, il Presidente Sergio Mattarella. Mentre gli esprimiamo la nostra lealtà di cittadini, gli rivolgiamo altresì l’assicurazione della nostra preghiera per il suo altissimo compito di riferimento unitario e di supremo garante della democrazia e delle tradizioni del Paese. Tutto il popolo guarda alla sua persona con questa fiducia. I Vescovi, fedeli alla loro missione di Pastori e nel rispetto delle istituzioni democratiche, danno voce alla gente con l’unico intendimento di contribuire alla costruzione del bene comune, a partire dai più deboli e bisognosi.
 In questo orizzonte, torniamo a far eco alle parole del Santo Padre Francesco a Napoli: parole di altissima condanna del malcostume e del malaffare che sembrano diventati un “regime” talmente ramificato da essere intoccabile. Esempi ne emergono ogni giorno: come corpi in stato di corruzione, ammorbano l’aria che si respira, avvelenano la speranza e indeboliscono le forze morali. È un destino fatale? Si può reagire? Senza dubbi, diciamo che si deve reagire e che ciò è possibile. Tutti siamo interessati al bene comune, e tutti ne siamo responsabili con i nostri comportamenti. Naturalmente ognuno a livelli e con modalità diverse: politica e magistratura, industria e finanza, impresa e sindacati, associazioni e media, volontariato, gruppi e singoli cittadini. Ogni soggetto ha il dovere di fare del proprio meglio per il bene della gente che è in gravi difficoltà e che spesso è stremata: se l’onestà è un valore sempre e comunque, che misura la dignità delle persone e delle istituzioni, oggi, le difficoltà di quanti si trovano a lottare per sopravvivere insieme alla propria famiglia… sono un ulteriore motivo perché la disonestà non solo non sia danno comune, ma anche non sia offesa gravissima per i poveri e gli onesti. Ciò è insopportabile! La Chiesa è vicina a ogni persona di buona volontà senza preclusioni o preferenze: persone e istituzioni che hanno veramente a cuore il bene della gente e che lavorano per questo. Come ricorda il Santo Padre, “la buona politica è una delle espressioni più alte della carità, del servizio, dell’amore” (Papa Francesco, Discorso a Scampia, 21.3.2015).
  Come Pastori, diamo voce alla gente e, purtroppo, quella voce incalza le nostre parrocchie e diventa grido: invoca lavoro per chi l’ha perso e per chi non l’ha mai trovato. Invoca lavoro per chi è sfiduciato e si arrende mettendosi ai margini della società, facile preda della malavita. E con la disoccupazione, l’instabilità sociale cresce fatalmente: “Con la mancanza di lavoro viene a mancare la dignità, e la persona rischia di cedere ad ogni sfruttamento” (id). La Chiesa in Italia, a livello centrale, porta avanti da anni il Progetto Policoro e il Prestito della speranza: sono anche questi dei segni concreti che vengono incontro ai giovani, alle famiglie e alle piccole imprese. Tutti sappiamo che non basta ripianare i buchi, ma occorre investire perché la competizione globale esige di essere sempre all’avanguardia; perché le nostre eccellenze devono essere difese con una continua ricerca; perché le professionalità non deperiscano; perché il patrimonio nazionale non prenda il volo per altri lidi, vanificando così i segnali positivi di ripresa che vengono rilevati dagli esperti.
 Continua la tragedia di uomini, donne, bambini, che attraversano il mare per raggiungere le nostre coste con la speranza di una vita migliore; fuggono dai loro Paesi per le ragioni che conosciamo: guerre, carestia, miseria, violenza. E cosa trovano? Molto, ma certamente ancora insufficiente al fine di una vera integrazione e di una vita nuova. Le forze in campo non sono poche, ma la situazione richiede visione, energie e risorse, che attestino che l’Europa esiste come casa comune e non come un insieme di interessi individuali ancorché nazionali. Un coacervo dove chi è più forte fa lezione e detta legge. La Chiesa, attraverso le Caritas e i Centri Migrantes, le parrocchie e le associazioni specifiche, risponde con ogni mezzo, anche grazie all’otto per mille, e mira a un processo di vera integrazione nel rispetto delle comunità di accoglienza e dei cittadini.
 L’attenzione al mondo della cultura e della scuola – compresa la formazione professionale – è promettente: è in gioco la libertà di educazione dei genitori per i loro figli. Non è una cortesia concessa a qualcuno, ma è un diritto dei genitori: diritto fondamentale che – unico caso in Europa – in Italia è stato affermato a parole, ma negato nei fatti da troppo tempo. A proposito di cultura, non possiamo non dar voce anche alla preoccupazione di moltissimi genitori, e non solo, per la dilagante colonizzazione da parte della cosiddetta teoria del “gender”, “sbaglio della mente umana”, come ha detto il Papa a Napoli sabato scorso. Il gender si nasconde dietro a valori veri come parità, equità, autonomia, lotta al bullismo e alla violenza, promozione, non discriminazione… ma, in realtà, pone la scure alla radice stessa dell’umano per edificare un “transumano” in cui l’uomo appare come un nomade privo di meta e a corto di identità. La categoria “Queer Theory”, nata negli Stati Uniti, combatte contro il normale, il legittimo, e ingloba tutte le soggettività fluide: non si riferisce a nulla in particolare, si presenta paradossalmente come “un’identità senza essenza”. Sembra di parlare di cose astratte e lontane, mentre invece sono vicinissime e concrete: costruire delle persone fluide che pretendano che ogni loro desiderio si trasformi in bisogno, e quindi diventi diritto. Individui fluidi per una società fluida e debole. Una manipolazione da laboratorio, dove inventori e manipolatori fanno parte di quella “governance mondiale” che va oltre i governi eletti, e che spesso rimanda ad Organizzazioni non governative che, come tali, non esprimono nessuna volontà popolare! Vogliamo questo per i nostri bambini, ragazzi, giovani? Genitori che ascoltate, volete questo per i vostri figli? Che a scuola – fin dall’infanzia – ascoltino e imparino queste cose, così come avviene in altri Paesi d’Europa? Reagire è doveroso e possibile, basta essere vigili, senza lasciarsi intimidire da nessuno, perché il diritto di educare i figli nessuna autorità scolastica, legge o istituzione politica può pretendere di usurparlo. È necessario un risveglio della coscienza individuale e collettiva, della ragione dal sonno indotto a cui è stata via via costretta. Sappiate, genitori, che noi Pastori vi siamo e vi saremo sempre vicini.

4. Conclusione
 Vi ringrazio, cari Confratelli, per il vostro ascolto a cui seguirà la parte importante dei nostri lavori. La nostra coscienza di Pastori, attenti al bene integrale della gente, è viva; possiamo dire che cresce a fronte delle sollecitazioni dell’ora che la Provvidenza ci dona. Ora ricca di luci, di aneliti e attese, di bontà, di fede vissuta con il sangue come i nostri martiri, e di eroismo come quello di tanti che vivono i loro impegni di famiglia, di lavoro, di fede con serietà e dignità commoventi. Ne siamo testimoni ammirati. Ora piena anche di domande e attese, ombre e svolte che interpellano noi Pastori e tutte le persone di buona volontà. Affidiamo questi giorni, insieme alle nostre comunità, alla maternità dolce e forte della Santa Vergine, Madre di Cristo che è volto visibile della misericordia di Dio.

Accennando a quella "comunità di fede e di carità reciproca" che è Caritas Italiana, come lui la definiva, il nostro ricordo grato va a Mons. Giuseppe Pasini, di cui domattina a Padova si celebrano i funerali: possa ricevere la ricompensa che spetta al "servo buono e fedele". Mons. Pasini ha operato per 24 anni in modo significativo all'interno di Caritas Italiana, che ha diretto dal 1986 al 1996, accompagnandone e orientandone il cammino fin dal suo primo avvio, accanto a Mons. Giovanni Nervo.


domenica 22 marzo 2015

Domenica 22-3-15 – 5° Domenica di Quaresima- Lezionario dell’anno B per le domeniche e le solennità - Letture e sintesi dell’omelia della Messa delle otto

Domenica 22-3-15 – 5° Domenica di Quaresima- Lezionario dell’anno B per le domeniche e le solennità –colore liturgico: viola –  salterio: 1°settimana - Letture e sintesi dell’omelia della Messa delle otto

Osservazioni ambientali: temperatura  12°C; cielo: nuvoloso, piovoso. Canti:  ingresso, Vi darò un cuore nuovo; offertorio, Il Signore ha messo un seme;  Comunione, Signor fammi strumento di tua pace;

  Alla Messa delle nove, il gruppo di AC era nei banchi a sinistra dell'altare, guardando l'abside.

- Questa domenica, alle ore 12:00, sarà celebrata la Messa solenne per ricordare gli anniversari dell’Ordinazione sacerdotale e della prima Messa del parroco, don Carlo Quieti.


Buona domenica a tutti i lettori!


Pillola di Concilio:

[…] Dio rende partecipe l’essere umano della sua legge, cosicché l’uomo, sotto la sua guida soavemente provvida, possa sempre meglio conoscere l’immutabile verità. Perciò ognuno ha il dovere e quindi anche il diritto di cercare la verità in materia religiosa, utilizzando mezzi idonei per formarsi giudizi di coscienza retti e veri secondo prudenza.
 La verità, però, va cercata in modo rispondente alla dignità della persona umana e alla sua natura sociale: e cioè con una ricerca condotta liberamente con l’aiuto dell’insegnamento e dell’educazione, per mezzo dello scambio e del dialogo con cui, allo scopo di aiutarsi vicendevolmente nella ricerca, gli uni rivelano agli altri la verità che hanno scoperta o che ritengono di avere scoperta; inoltre, una volta conosciuta la verità, occorre aderirvi fermamente con assenso personale.
 L’uomo coglie e riconoscere gli imperativi della legge divina attraverso la sua coscienza, che è tenuto a seguire fedelmente in ogni sua attività per raggiungere il suo fine che è Dio. Non si deve quindi costringerlo ad agire contro la sua coscienza.  E  non si deve neppure impedirgli di agire in conformità ad essa, soprattutto in campo religioso. Infatti l’esercizio della religione, per sua stessa natura, consiste anzitutto in atti interni volontari e liberi, con i quali l’essere umano si dirige immediatamente verso Dio: e tali atti da un’autorità puramente umana non possono essere né comandati, né proibiti. Però la stessa natura sociale dell’essere umano esige che egli esprima esternamente gli atti interni di religione, comunichi con altri in materia religiosa e professi la propria religione in modo comunitario.
 Si fa quindi ingiuria alla persona umana e allo stesso ordine stabilito da Dio per gli esseri umani, quando si nega ad essi il libero esercizio della religione nella società, una volta rispettato l’ordine pubblico informato a giustizia.
 Inoltre gli atti religiosi, con i quali in forma privata e pubblica gli esseri umani con decisione interiore si dirigono a Dio, trascendono per loro natura l’ordine terrestre e temporale delle cose. Quindi la potestà civile, il cui fine proprio è di attuare il bene comune temporale, deve certamente rispettare e favorire la vita religiosa dei cittadini, però evade dal campo della sua competenza se presume di dirigere o di impedire gli atti religiosi.

[Dalla dichiarazione Dignitatis Humanae (= della dignità dell’essere umano), del Concilio Vaticano 2° (1962/1965), n.3]


Thomas Merton 



 Thomas Merton è stato uno dei massimi scrittori cristiani del Novecento, e uno dei maggiori di tutti i tempi. Tra i più grandi maestri di spiritualità di ogni epoca. Non è retorica, non  è esagerazione. Provare per credere. Per questo, del resto, i suoi libri e i suoi scritti, continuano ad essere tradotti e diffusi a quasi quarant’anni dalla sua morte (Merton, nato a Prades, sui Pirenei francesi, il 31 gennaio 1915, è morto il 10 dicembre 1968). Merito del suo linguaggio formidabile, forte, senza giri di parole, modernissimo, spesso poetico e mistico, ma anche capace di invettiva, passione politica  ed ecclesiale, toni aspri, profezia, denuncia, contemplazione. “A volte”, scrisse nel suo diario, “il canto deve divenire scandaloso”. Non a caso uno dei suoi libri più famosi -un vero e proprio “libro della decisione”, un testo di formazione, nel crinale formidabile degli anni ’60 -si intitola Fede, resistenza, protesta. Sì, perché Thomas Merton, dalla sua cella m onastica del Gethsemani in Kentucky, fu non solo scrittore e maestro di spiritualità, ma anche testimone.  Testimone cristiano, testimone civile e -nel senso più pieno della parola- testimone politico.
[da: Paolo Giuntella, Il fiore rosso, Paoline Editoriale Libri, 2006, € 12,00]

Prima lettura
Dal libro del profeta Geremia (Ger 31,31-34)

 Ecco, verranno giorni - oracolo del Signore -; nei quali con la casa d’Israele e con la casa di Giuda concluderò un’alleanza nuova. Non sarà come l’alleanza che ho concluso con i loro padri, quando li presi per mano per farli uscire dalla terra d’Egitto, alleanza che essi hanno infranto, benché io fossi loro Signore. Oracolo del Signore. Questa sarà l’alleanza  che concluderò con la casa d’Israele dopo quei giorni -oracolo del Signore-: porrò la mia legge dentro di loro, la scriverò sul loro cuore. Allora io sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo. Non dovranno più istruirsi l’un l’altro dicendo: “Conoscete il Signore”, perché tutti mi conosceranno, dal più piccolo al più grande - oracolo del Signore -, poiché io perdonerò la loro iniquità e non ricorderò più il loro peccato.



Salmo responsoriale (50 (51))

Ritornello:
Crea in me, o Dio un cuore puro.


 Pietà di me, o Dio, nel tuo amore;
nella tua grande misericordia
cancella la  mia iniquità.
Lavami tutto  dalla mia colpa,
dal mio peccato rendimi puro.

Crea in me, o Dio, un cuore puro,
rinnova in me uno spirito saldo.
Non scacciarmi dalla tua presenza
e non privarmi del tuo santo spirito.

Rendimi la gioia della tua salvezza,
sostienimi con uno spirito generoso.
Insegnerò ai ribelli le tue vie
e i peccatori a te ritorneranno.



Seconda lettura  
Dalla lettera agli Ebreo (Eb 5,7-9)

 Cristo, nei giorni della sua vita terrena, offrì preghiere  e suppliche, con forti grida e lacrime, a Dio che poteva salvarlo da morte e, per il suo pieno abbandono a lui, venne esaudito. Pur essendo Figlio, imparò l’obbedienza da ciò che patì e, reso perfetto, divenne causa di salvezza eterna per tutti coloro che gli obbediscono.




Vangelo
Dal Vangelo secondo  Giovanni (Gv 12,20-33)

 In quel tempo, tra quelli che erano saliti per il culto durante la festa c’erano anche alcuni Greci. Questi si avvicinarono a Filippo, che era di Betsaida di Galilea, e gli domandarono: “signore, vogliamo vedere Gesù”.  Filippo andò a dirlo ad Andrea, e poi Andrea e Filippo andarono a dirlo a Gesù.  Gesù rispose loro: “E’ venuta l’ora che il Figlio dell’uomo sia glorificato. In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo m ondo, la conserverà per la vita eterna. Se uno mi vuole servire, mi segua, e dove sono io, la sarà anche il mio servitore.  Se uno serve me, il Padre lo onorerà. Adesso l’anima mia è turbata, che cosa dirò? Padre, salvami da quest’ora? Ma proprio per questo sono giunto a quest’ora! Padre, glorifica il tuo nome”. Venne allora una voce dal cielo: “L’ho glorificato e lo glorificherò ancora!”. La folla, che era presente e aveva udito, diceva che era stato un tuono. Altri dicevano: “Un angelo gli ha parlato”. Disse Gesù: “Questa voce non è venuta per me, ma per voi. Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori. E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me”. Diceva questo per indicare di quale morte doveva morire.

Sintesi dell'omelia della Messa delle otto

 La prima lettura ci parla della nuova alleanza.
 La prima era stata quella conclusa con il popolo sul monte Sinai, basata sull’osservanza della dieci Parole, i dieci Comandamenti. Dio sarebbe stato il loro Dio e loro il suo popolo. Dio li avrebbe amati e loro lo avrebbero amato. L’amore per Dio sarebbe stato dimostrato dall’obbedienza ai Comandamenti. Ma gli esseri umano non  se ne dimostrarono capaci.
 La seconda Alleanza è come la prima: Dio è il loro Dio e loro il suo popolo, Dio li ama  loro lo amano. Ma questa volta la legge è scritta nei loro cuori. In questo modo può essere osservata da un essere umano. E’ Gesù Cristo a farsene obbediente fino alla morte. E, in lui, anche noi possiamo obbedirla.  Gesù non cerca la propria gloria, ma la gloria del Padre: anche noi dobbiamo fare così, seguendolo.

Sintesi di Mario Ardigò, per come ha inteso le parole del celebrante – Azione Cattolica in San Clemente Papa – Roma, Monte Sacro Valli

  

Avvisi parrocchiali:
-domenica 22-3-15, alle ore 12:00, Messa solenne per ricordare gli anniversari dell’Ordinazione sacerdotale e della prima Messa del parroco, don Carlo Quieti.
-si segnala il sito WEB della parrocchia:

Avvisi di A.C.:
-  la riunione infrasettimanale del gruppo parrocchiale di AC si terrà il 24-3-15, alle ore 17, nell'aula con accesso dal corridoio dell'ufficio parrocchiale. I soci sono invitati a preparare una riflessione sulle letture di domenica 29-3-15, Domenica delle Palme 5°: Is 50,4-7; Sal 21 (22); Fil 2,6-11; Mc 14,1-15,47;

- si segnala il sito WEB dall'AC diocesana: www.acroma.it
- si segnala il sito WEB www.parolealtre.it , il portale di Azione Cattolica sulla formazione.












"L’ordinamento giuridico tra Ius et Iustum" : relazione di Vito D'Ambrosio all'incontro del gruppo MEIC Sapienza del 12-3-15

Dall'incontro del gruppo MEIC Sapienza di Giovedì 12 marzo 2015, alle ore 18, presso la cappella universitaria, sul tema

"L’ordinamento giuridico tra Ius et Iustum"
la relazione di Vito D'Ambrosio

TRA GIUSTIZIA E DIRITTO.

Premesse.

Vorrei far precedere questa mia chiacchierata da due premesse:
  1. La prima è che il contesto nel quale parlo e mi trovo influenza, e non poco, tutto il mio discorso, che avrà quindi uno sfondo religioso, anche se una sua gran parte si inserirebbe tranquillamente anche in un ambiente non religioso;
  2. La seconda è che, come mi capita spesso, dopo aver lasciato che il tema si immerga nel mio inconscio, quando riemerge, mi servo di citazioni come paletti tra i quali far scivolare, e mantenere, il corso della mia riflessione.
Anche stavolta, quindi, comincerò con qualche citazione, ma, data la vastità dell’argomento, le citazioni non saranno poche, pur avendo io provveduto a sfoltirle, ma non ad ordinarle, e potendo fare riferimento anche a quelle della presentazione dell’incontro,  tratte da Aristotele e,soprattutto, San Tommaso.

CITAZIONI.



 Dei 99 nomi di Dio parla lo stesso Corano  “ A Dio appartengono i nomi più belli: invocatelo con quelli »
(Corano, VII:180). Di questi faccio notare i nn. 29 e 30,  per i quali Allah è chiamato il giudice e il giusto, con unaa significativa distinzione.

SALOMONE GIUDICE SAGGIO.

Le due donne si misero a litigare davanti al re. Allora il re disse: Dunque: una di voi dice che il bambino vivo é suo figlio, , l'altra sostiene il contrario! Mandò a prendere una spada  e ordinò : tagliate in due il bambino vivo e datene metà a ciascuna. A questo punto la prima donna si sentì gelare il sangue, perché il bambino vivo era il suo, e gridò Ti prego signore, dà pure a lei il bambino, ma non farlo uccidere! L'altra invece rispose No, non darlo né a me , né a lei. Fallo tagliare in due!
A questo punto il re pronunziò il suo giudizio : Non uccidete il bambino. Datelo alla prima donna: é lei la madre.
In Israele tutti vennero a conoscenza della decisione presa da re Salomone e provarono un profondo rispetto per lui. Si erano resi conto che Dio stesso gli aveva dato la saggezza necessaria per giudicare con giustizia (I Re, 3, 22-28).

DALL’ANTICO TESTAMENTO
 GDC 2,
16 Allora il Signore fece sorgere dei giudici, che li liberavano dalle mani di quelli che li spogliavano … 18 Quando il Signore suscitava loro dei giudici, il Signore era con il giudice e li liberava dalla mano dei loro nemici durante tutta la vita del giudice; perché il Signore si lasciava commuovere dai loro gemiti sotto il giogo dei loro oppressori. 19 Ma quando il giudice moriva, tornavano a corrompersi più dei loro padri ...



DAL VANGELO:

1.      “Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia (τήυ δίκαισΰυηυ), perché saranno saziati” (Mt. 5,6).
2.      “Non giudicate e Dio non vi giudicherà. Infatti Dio vi giudicherà con la stessa misura con la quale voi trattate gli altri” (Mt.7, 1-2). Oppure (vers. Greca, Bibbia dei 70) “Non giudicate affinché non siate giudicati.. Infatti voi sarete giudicati secondo lo stesso giudizio col quale avete giudicato, e sarete misurati con la stessa misura con la quale avrete misurato”

SIMBOLO DEGLI APOSTOLI (CREDO):

...siede alla destra di Dio padre Onnipotente, di là verrà, nella gloria, a giudicare i vivi e i morti.

I PRINCIPI DEL DIRITTO.

Nel suo scritto “Regole” Eneo Domizio Ulpiano (riportato nel Digesto di Giustiniano) ha così descritto la giustizia: «Iustitia est constans et perpetua voluntas ius suum cuique tribuendi. Iuris praecepta sunt haec: honeste vivere alterum non laedere, suum cuique tribuere.» (Trad. “La giustizia consiste nella costante e perpetua volontà di attribuire a ciascuno il suo diritto. Le regole del diritto sono queste: vivere onestamente, non recare danno ad altri, attribuire a ciascuno il suo”



LE LEGGI
dal CRITONE di PLATONE (dialogo tra Socrate e le leggi di Atene)

  • “Ma chi di voi rimane qui, e vede in che modo noi amministriamo la giustizia e come ci comportiamo nel resto della pubblica amministrazione,…costui si è di fatto obbligato rispetto a noi a fare ciò che gli ordiniamo, e se egli non obbedisce …commette ingiustizia contro di noi in tre modi: primo, perché non obbedisce a noi che lo abbiamo generato; secondo, perché non obbedisce a noi che lo abbiamo allevato; terzo, perché, essendosi egli obbligato ad obbedirci, né ci obbedisce ,né si adopra…di persuaderci altrimenti”

Dall’ANTIGONE di SOFOCLE

  • Creonte: E hai osato trasgredire questa legge (il suo editto, che proibiva la sepoltura di Polinice nota mia)
  • Antigone. Non è stato Zeus a proclamarla, e Dike…, non ha stabilito per gli uomini leggi come questa. Non ho pensato che i tuoi decreti avessero il potere di far sì che un mortale potesse trasgredire le leggi non scritte degli dei, leggi immutabili che non sono di ieri né di oggi, ma esistono da sempre.
Su Antigone v. anche l’articolo di Gustavo Zagrebelsky “Il cuore di Antigone” su Repubblica 5.5.2005.

OGGI

“La giustizia è amministrata in nome del popolo.
I giudici sono soggetti soltanto alla legge”
COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA, art. 101


Giustizia e diritto: modello e copia.

Un mio collega assai bravo in un recente processo, al centro di accese discussioni, ha concluso  la sua requisitoria sostenendo che “ci sono dei momenti nei quali diritto e giustizia vanno da parti opposte; è naturale che le parti offese scelgano la strada della giustizia, ma quando il giudice è posto di fronte alla scelta drammatica tra diritto e giustizia non ha alternativa. E’ un giudice sottoposto alla legge; tra diritto e giustizia deve scegliere il diritto” E quindi, poiché il giudice, cioè la Cassazione, ha seguito la sua indicazione ed ha dichiarato prescritto il reato di disastro doloso, annullando anche il risarcimento del danno alle migliaia di parti lese (tutti avrete capito che parlo del processo Eternit), si potrebbe definire  questa vicenda con il detto latino “summum jus, summa iniuria”, cioé, traducendo “il massimo del diritto e il massimo dell’ingiustizia”.
Io non sono d’accordo con il mio collega, al quale piacciono le tesi ardite e intelligentemente provocatorie, e cercherò di spiegare le mia ragioni, anche se il processo Eternit non è l’oggetto del mio discorso (che però non può nemmeno prescinderne, così come non può prescindere, sotto un profilo parzialmente diverso, dal più recente dei processi celebri, quello contro Berlusconi, conclusosi proprio due giorni fa con una decisione che ha suscitato e susciterà grande clamore, sui mezzi di comunicazione e nell’opinione pubblica).
Ma cominciamo dal principio, cioè dall’importanza del processo in generale e del protagonista di ogni processo, il giudice. Fin dall’antichità la figura del Giudice ha un’assoluta centralità, come risulta dal brano dell’Antico Testamento tratto dal libro, appunto, chiamato GIUDICI, nonché dal 29° nome di Allah (Il Giudice), e dalla veste che assume il Cristo Risorto, quando verrà dalla “destra del Padre” a giudicare i vivi e i morti. Il giudice, se volessimo chiuderlo in una definizione, è “colui che cerca la verità e, contemporaneamente, misura colpe e meriti, distribuendo premi e sanzioni ” (Mt, 25, 31-46).
E, proprio perché è Dio ed essere giudice, il suo giudizio è definitivo “…E se ne andranno: questi al supplizio eterno, i giusti invece alla vita eterna “(Mt. 25, 46, sul giudizio finale)
Nel modello divino, quindi, il giudizio si conclude sempre con la giustizia riconosciuta ai fedeli e la condanna inflitta agli empi (Sal.72)
Ovviamente il giudizio di Dio non può essere corretto da nessuno,  e quindi, per usare termini nostri, è “inappellabile” ( e di questa caratteristica si appropriarono anche i popoli germanici che, nell’alto Medioevo, utilizzarono le ordalie, o giudizi di Dio, per risolvere questioni particolari).
Questo è il modello al quale si ispirarono le comunità primitive per rispondere alla innata esigenza di istituire una giustizia “retributiva” anche qui per usare termini attuali. Non è questa le sede per approfondimenti di storia del diritto, resta però che, soprattutto per opera dei Romani, nacque e si sviluppò uno forma di processo, come strumento per applicare il diritto, anch’esso creazione originaria dei romani, che migliorarono e sistematizzarono le forme precedenti, vigenti indubbiamente presso le società e civiltà anteriori

Le copie del modello e le garanzie: mai un solo giudizio.
.
Saltando i secoli, arriviamo all’età nostra, nella quale, in sostanza, il riconoscimento all’ordinamento giuridico centrale –lo Stato, tradizionalmente- della potestà di stabilire torti e ragioni, del monopolio dell’uso della forza, della esigenza di assicurare la stabilità di un modello di relazioni sociali, punendo chi ne infrangeva le regole, ha dato nuova centralità sia al rito –il processo- sia ai sacerdoti del rito, principalmente i giudici. Per garantire la tutela dei diritti contro i detentori del potere, gradualmente i giudici acquisirono una loro indipendenza, che doveva, appunto, servire a scindere, diciamo così, la giustizia dal potere (si ricordi la famosa frase sui giudici a Berlino del mugnaio di Sans-Souci di fronte alle pretese di Federico il Grande di Prussia, anche se, in quel caso alla fine fu proprio Federico a riconoscere i diritti del mugnaio, negati dai giudici).
In questa specie di perenne contrapposizione tra titolari del potere e soggetti passivi del potere,  si è sempre tentato, nell’età moderna, di ricercare  un punto di equilibrio abbastanza stabile, che evitasse assolutamente il ritorno di una configurazione del potere sciolta (ab-soluta) dal rispetto delle regole che non fossero gradite.
Le due grandi rivoluzioni del secolo 18°, quella americana prima e quella francese poi, segnarono l’inizio, non incruento, di un cammino che ci ha portato ad un progetto organizzativo della società di “garanzia” dei cittadini, nella quale, cioè, i singoli potessero trovare protezione contro eventuali ingiustificate pretese egemoniche. Su questo schema, ina una costruzione lenta e faticosa, si cercò di offrire spazio ed opportunità a quella che, tradizionalmente, veniva e viene chiamata “giustizia”.
Ma la stessa finalità di evitare configurazioni di potere svincolate da controlli faceva nascere, nella stessa direzione, dei meccanismi di controllo anche nei confronti dei giudici, secondo le peculiarità di ogni sistema Paese. Proprio agli inizi della rivoluzione francese, nel 1790, con due distinti decisioni legislative, si stabilì che vi fossero solo due gradi nei giudizi civili e,  pochi mesi dopo, si istituì la Cour de Cassation, per controllare l’applicazione della legge da parte dei giudici e delle corti (curiosamente, ma forse non solo casualmente, la sede della Cour, a Parigi, è in un Palazzo, vicinissimo alla cattedrale di Notre Dame, in uno spazio equidistante tra la vecchia prigione rivoluzionaria, la Conciergerie, e la Saint Chapelle).
Il modello francese fu seguito da parecchi Paesi nell’area di civil law, tra i quali anche il nostro.
In Italia la lunga strada per la costruzione di uno Stato unitario portò ad una pluralità di Cassazioni, riunite finalmente nel 1923 nell’unica attuale, chiamata da allora Corte Suprema.
Proprio le previsioni costituzionali sulle competenze della Cassazione forniscono un ulteriore sostegno alla esigenza di non limitare, salvo rarissime eccezioni, ad un solo momento processuale il compito dei giudici. Infatti il penultimo comma dell’art. 111 della nostra Costituzione prevede la possibilità di ricorrere in cassazione contro “le sentenze e contro i provvedimenti sulla libertà personale”; per quanto riguarda la ricorribilità delle sentenze senza eccezione, la decisione del legislatore costituzionale fu determinata dalla inappellabilità, all’epoca delle sentenze di Corte d’assise, che potevano irrogare persino la pena di morte: Non si volle, cioè ammettere in nessun caso la possibilità di sentenze sottratte all’esame di un altro giudice, salvo, come mera possibilità “Si può derogare a tale norma” quelle dei tribunali militari in tempo di guerra, cioè in una situazione per definizione eccezionale.
Ed anche in ambito europeo, l’art. 2 del Protocollo aggiuntivo n. 7 del 1984 alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo (approvata a Roma nel 1950), prevede, come regola, il “diritto ad un doppio grado di giudizio in materia penale”.

Interpreti obbligati?

Però la garanzia del doppio grado di giudizio ha avuto un effetto collaterale, dannoso ma inevitabile: la possibilità di una diversità di decisioni tra il primo e il secondo grado. L’indubbio riflesso negativo di questa eventualità ha spinto i sistemi giudiziari a tentare di limitarne la possibilità, con interventi rivolti ad incidere  sull’attività dei giudici cercando di limitarne l’estensione. Nel nostro ordinamento l’esempio più significativo è rappresentato dall’articolo 12 delle disposizioni sulla legge in generale, le c.d. preleggi, che detta le norme da seguire nell’interpretazione della legge. La logica e la psicologia dimostrano senza dubbi la assoluta inefficacia di una tale modalità di intervento, perché l’interpretazione della legge non è operazione su dati oggettivi, ma su proposizioni verbali, soggette a plurimi interventi ermeneutici. In altre parole, non è possibile stabilire a priori una unica interpretazione di insiemi di parole e frasi, che danno luogo a interpretazioni plurali in proporzione diretta alla loro complessità; in sintesi si può ragionevolmente sostenere che i possibili significati aumentano con l’aumentare di enunciati da interpretare. Il che, ovviamente, si traduce in una serie ampia di interpretazioni possibili di un testo di legge, che non è mai semplice dal punto di vista linguistico.

O interpreti condizionati?

Altro strumento “ordinario” diretto ad evitare al massimo il contrasto di interpretazioni, a parte quello più proprio del processo, è l’affidamento ad un giudice “peculiare” del compito di assicurare l’interpretazione uniforme del diritto, funzione tradizionalmente chiamata di “nomofilachia” (amore della legge, dal greco) affidata alla Corte di Cassazione, che riesce ad esercitarla con grande fatica ed episodicità, dato il carico insopportabile e sempre crescente di ricorsi che la schiacciano, ed anche di questo bisognerebbe parlare, ma non ora.
Inoltre e infine, nella lunga storia di dialettica e conflittualità tra magistratura e politica, la seconda ha cercato, in questi ultimi anni, di recuperare la perduta supremazia, arrivando infine, con una legge che entrerà in vigore tra una settimana, a trasformare in senso fortemente restrittivo la disciplina della responsabilità civile dei giudici, che tanto clamore sta suscitando nella magistratura italiana.
Limitando a pochi cenni l’incursione sul tema, comincio col notare che una responsabilità civile dei giudici, ampia e “intimidatoria”, era prevista nel “piano di rinascita democratica” di Licio Gelli; non voglio sostenere che l’ombra di Gelli vada intravista nella buca del suggeritore e degli ispiratori di questa legge, ma evidenziare che un fortissimo contrappeso alla posizione della magistratura in Italia veniva vista come necessaria premessa ad una trasformazione in senso sottilmente ma decisamente autoritario del nostro ordinamento.
Non è facile prevedere lo sviluppo e l’esito di questa contrapposizione, ma è molto significativa, per me, la coincidente posizione del Ministro per la giustizia e del neo eletto Presidente della Repubblica, che entrambi prevedono un specie di “rodaggio” della legge, al termine e all’esito del quale si potrà trarre un bilancio e procedere ad una ulteriore riforma. Né va dimenticato che di una legge simile non c’è tracccia in paesi simili al nostro, ed anzi in Gran Bretagna sono state illustrate le ragioni per le quali l’autonomia e l’imparzialità dei giudici non tollerano una responsabilità civile,  prevedibile strumento ulteriore di difesa, quasi sempre delle parti “forti e ricche” del processo.

 INTERPRETI TUTTI E SEMPRE BUONI?

Vorrei subito sfatare una idea tanto diffusa tra i magistrati italiani, da diventare quasi un luogo comune, che, cioè tutti quelli in toga sono buoni e quelli senza toga, o con una toga diversa (gli avvocati) sono cattivi, o, comunque, portatori di interessi distorcenti perché di parte.
Quando si sarà posato il polverone, e sarà calato il clamore, se mai accadrà, ad un osservatore spassionato apparirà chiaro che ragioni e torti in questa lunga diatriba tra i poteri della nostra democrazia , in reciproca e dura contrapposizione, non possono essere divisi con un taglio netto. Nessun Alessandro, Magno o meno, potrà cioè tagliare con la spada il nodo intricatissimo di una società cresciuta disordinatamente, cercando e trovando scorciatoie che attenuassero il rigore del quadro limpido disegnato quasi settanta anni fa, dai padri costituenti.
Così anche è accaduto per la magistratura, che talvolta, o addirittura spesso, ha interpretato in modo  peculiare l’autonomia e l’indipendenza riconosciute e previste dall’articolo 114 – “La magistratura costituisce un ordine autonomo e indipendente da ogni altro potere”-  del Titolo IV della Parte II della Costituzione, dedicato alla magistratura: spesso, purtroppo, i confini dell’autonomia e dell’indipendenza sono stati  allargati fino a sfiorare, o talvolta a invadere, gli ambiti dell’arbitrio e della irresponsabilità. Ma una  ulteriore conseguenza, tutt’altro che strana, è che la magistratura è stata attaccata molto più quando intendeva esercitare i suoi compiti con autonomia e  indipendenza che quando, scendendo su ambiti impropri, si trovava sul terreno dei detentori del potere.
In sostanza, e senza citare i numerosi casi a sostegno di quanto ho detto, il dibattito teorico, e lo scontro pratico, quasi sempre sotterraneo, si sono centrati sulla dipendenza del giudice “soltanto” dalla legge e sul funzionamento dell’organo di governo autonomo della intera magistratura, cioè il Consiglio Superiore della Magistratura, previsto anch’esso nell’articolo 104 della Costituzione.
Quanto al CSM, sono note, e non del tutto infondate, le critiche al suo funzionamento, condizionato assai più del tollerabile dalla nascita di gruppi organizzati di giudici all’interno di quella Associazione nazionale che ne raggruppa la robusta maggioranza. Ed anche sul Consiglio si stanno addensando nubi pesanti, stando alle parole del presidente del Consiglio che stigmatizza proprio il ruolo e l’influenza delle correnti di magistrati (quasi che in Parlamento le cose andassero in modo molto diverso).
Ma del Consiglio parleremo un’altra volta o nel dibattito, se l’argomento suscita interesse.
Quello che mi preme, e che ci riporta rigorosamente al tema è l’altra faccia della medaglia, cioè la dipendenza dei giudici “soltanto” dalla legge.

LA LEGGE, IL DIRITTO, LA GIUSTIZIA.

Le legge, abbiamo letto sui nostri libri di diritto al primo anno di università, è “un comando generale ed astratto” rivolto alla generalità dei cittadini ed approvato secondo certe specifiche procedure; ma la l’esperienza di tutti noi ci ha insegnato che non sempre è così, che il comando può essere specifico e concreto (le famose leggi ad personam) e che, inoltre e  purtroppo, il comando non è quasi mai facilmente comprensibile.
Leggi lunghissime, infarcite di richiami ad altre leggi, piene di avverbi ed aggettivi indeterminativi: per restare al mio ambito specialistico, è normale trovare espressioni come “indebitamente” “danno di rilevante gravità” e, specularmente, “danno di speciale tenuità”, “quantità ingenti” “ragionevole durata” “velocità non adeguata”. Non è leggenda metropolitana che, qualche volta, in caso di difficile accordo politico, si approvi una norma di significato ambiguo, o vago, con l’intesa, talvolta perfino esplicita che “tanto poi se la sbrigano i giudici”.
Le tecnica legislativa è scaduta in maniera preoccupante, così che l’interprete, e specialmente chi deve applicarla, si trova in  una difficoltà innegabile, che lascia spazio ad interpretazioni divergenti, o addirittura opposte. Ricordo sempre, sulla base di una mia esperienza personale all’inizio della carriera, la frase di un grande giudice, partigiano, famoso fotografo anche, che nel suo libro di memorie “Esperienze di un magistrato” scriveva :” quando mi trovo davanti ad una questione difficile, ci rifletto a lungo, per trovare la soluzione più giusta, poi ne scrivo la motivazione”. La frase suona sconvolgente, forse, o comunque assai stravagante ad osservatori estranei, ma nella sostanza spesso è così, solo che non si ha l’onestà intellettuale e la statura professionale di Peretti Griva per confessarlo apertamente. Ma una prima, solida, spiegazione, o piuttosto giustificazione è quella che mi fornì un amico filosofo del linguaggio, il quale mi chiarì che il nostro lavoro ha un margine ineliminabile di ambiguità, in quanto si basa su “parole che spiegano parole” o, più sbrigativamente/esattamente, “parole costruite su parole” e le parole spesso hanno significati plurimi, da sole, o, più spesso, in combinazione con altre parole.
Lasciando il terreno scivoloso dei significati, proviamo a trovare un altro elemento “direzionale” che ci possa suggerire una modalità di interpretazione più solida, e soprattutto, più comprensibile e condivisibile; la prima risposta ci indirizza ad un dato che è “fuori” dal testo della legge, e cioè l’intenzione del legislatore, secondo la dizione dell’art, 12 delle disposizioni sulla legge in generale. Ma, a parte l’osservazione che anche l’intenzione del legislatore non è sempre facilmente ricostruibile, e che, comunque, ci si può ispirare a quell’intenzione solo nel caso di senso non univoco delle parole del testo, la situazione si è complicata dall’istituzione della Corte Costituzionale, cioè dal 1956; da allora, infatti, il giudice (inteso in senso molto ampio, secondo l’interpretazione dalla Corte stessa), se dubita che le legge sia in contrasto con la Costituzione, investe della questione la Corte Costituzionale, che può anche annullare, in tutto o in parte, la legge portata al suo esame.
E, come se non bastasse, il panorama si è arricchito di nuove figure, derivanti dall’adesione dell’Italia all’Unione Europea e a diversi trattati internazionali; infatti il giudice nazionale non può ignorare né il diritto dell’Unione, né quello internazionale, basato sui Trattati sottoscritti (il caso più noto è quello della Convenzione Europea dei diritti dell’Uomo), norme, però, la cui interpretazione autentica è affidata ad altri organi giudiziari, la Corte di Lussemburgo per l’Unione e quella di Strasburgo per la Convenzione, i cui rapporti con il “nostro” giudice delle leggi, cioè la Corte Costituzionale, non è stato sempre facile e non è ancora del tutto scorrevole.  
Tirando una prima conclusione parziale, accertata la presenza di una pluralità di norme da applicare, provenienti da fonti diverse, comincia a diventare meno inspiegabile la possibile diversità di interpretazioni, favorita anche dall’improvvida abitudine di emanare leggi senza preoccuparsi né di quello che succede nell’intervallo tra il vecchio e il nuovo regime, né di cancellare le leggi precedenti in contrasto.
La lunga sosta sulla questione della legge (sempre utile il libro di Zagrebelsky “Intorno alla legge”), ci ha “sviati” dalla traccia del tema, dettata da Gianfranco: che succede nel confronto/ contrasto tra legge e giustizia? O, per usare le parole del mio collega  Iacoviello, tra diritto e giustizia? Sono, per cominciare due entità distinte, che possono anche, quindi entrare in conflitto?
La risposta è estremamente difficile, perché bisogna prima risolvere il problema sul rapporto tra legge e giustizia, il che presuppone, a sua volta, un chiarimento sulla concetto di giustizia.
La giustizia, per me, è come il tempo per Sant’Agostino, che se nessuno me lo chiede, mi è chiaro, ma, se qualcuno mi invita a spiegarlo, mi si oscura (quasi) irreversibilmente; anche su questo tema vi consiglio di leggere un bellissimo dialogo tra due personalità significative, il cardinal Martini e Gustavo Zagrebelsky, che si interrogano a vicenda su “La domanda di giustizia” (ed. Einaudi).
Due spiriti liberi, partendo da posizione diverse e distanti, il cardinale dalla sua intima religiosità rivisitata, liberata e rinforzata, il giurista dalle sua solide convinzioni laiche, nel senso di non religiose, arrivano ad una conclusione (quasi) condivisa, riconoscendo che la domanda di giustizia è insita nell’uomo, sostanziata nel suo intimo e non limitata ad una modalità formalistica.

LA FONTE DELLA GIUSTIZIA.

Ricordando, inelegantemente, quello che avevo scritto sul tema, strettissimamente intrecciato al nostro, del giusnaturalismo, mi sento di ripetere che, se vogliamo arrivare quanto meno ad una tregua, e non dichiararci una nuova funesta guerra di religione, dobbiamo procedere a tappe successive, con la lentezza necessaria ad una adeguata ponderazione. Dato per scontata la necessità di convivenza, e mirando ad una auspicabile comunanza di obiettivi, almeno minimi, probabilmente il massimo risultato ad oggi raggiungibile è quello di riconoscere alcune, o anche una sola, priorità condivisa.
Questa priorità mi sembra di poter individuare nel valore della dignità della persona. Di dignità, come valore ispiratore e fondamentale, si parla in più articoli della nostra Costituzione (p.es, art. 3, 27, 32, 36), della CEDU (p.es. premessa e art. 1), nonché della Dichiarazione Universale dei diritti dell’Uomo nel cui preambolo espressamente si  fa cenno alla dignità; Questo valore viene quindi accettato e proclamato indipendentemente dalla sua fonte di provenienza, il che consente di aderire alla sua proclamazione e difesa sia a chi lo ritiene un portato di una legge di natura, anteriore a quelle umane, sia a chi la giudica come fissata dagli Dei (Antigone), sia a chi, come noi, le ritiene una conseguenza della comune condizione di figli dell’unico Dio.
Questa conclusione, raggiunta forse faticosamente, ma basata su fondamenta solide, a mio parere, ci può aiutare nell’opera di riportare il diritto positivo, vigente, al contesto in cui opera la giustizia, utilizzando gli strumenti posti a disposizione, sia nell’interpretazione, sia nel ricorso ad altri giudici delle leggi, nazionali o internazionali.

PRIMI SPUNTI DI CONCLUSIONE.

Per non appesantire ulteriormente questo già molto ampio contributo ho volutamente trascurato profili del tema di complessità non minore, ma che, a questo punto, possono essere soltanto accennati.
  • Il primo è quello relativo alla finalità del processo, specie penale: il processo serve (dovrebbe servire) ad accertare la verità “vera” o quella “processuale”, cioè quella raggiunta in base alle prove (dicevano i romani, “secondo quello che è allegato e provato”)? Io non credo che ci sia una divaricazione tra i due obiettivi e proverei a rispondere che il processo mira ad accertare la verità, senza aggettivi, però secondo le regole del processo stesso. E quindi la verità del processo è sempre “relativa” cioè quella risultante dalla applicazione -la più scrupolosa possibile- delle regole che governano il percorso del processo, perciò la verità del processo non può essere accettata come verità storica, se non sottoposta alle regole della ricerca storica (analogo discorso, che accenno appena, va fatto per distinguere la verità giuridica da quelle etica o politica, il che sembra dimenticato nell’attuale dibattito cultural-politico-etico, nonché processual-televisivo in Italia).
  • Il secondo è quello affrontato esplicitamente e in maniera non condivisibile da Iacoviello e, nella motivazione della sentenza Eternit più in filigrana : non esiste un apriori immutabile di interpretazione, che sovrasta anche un giudizio di valore in eventuale contrasto. Può esistere, invece, un percorso di motivazione che giunga a contrastare il giudizio di valore, ma, data l’estrema mutevolezza possibile dei criteri di interpretazione, la conclusione per c.d. “ingiusta” va attentamente motivata proprio sulla impossibilità di applicazione alternativa di valutazioni che salvino il valore “di giustizia”. Il che, francamente, mi pare molto difficile, se non impossibile.
  • Il terzo, più apparentemente facile, ma più disorientante per la pubblica opinione, è quello che vede un succedersi di decisioni opposte nello stesso processo (l’esempio più recente è proprio il processo Berlusconi): se un giudice condanna e un altro assolve e il terzo si trova d’accordo o con l’uno, o con l’altro, come si riesce a spiegare, senza ipotizzare un errore di qualcuno dei tre, data l’identità di norme e di situazioni? Anche qui è possibile trovare una risposta, che spiega e non giustifica, o viceversa (sia ben chiaro che anche io sono rimasto perplesso sia dopo la sentenza Eternit che dopo quella Berlusconi): basta riflettere che le situazioni non sono identiche perché cambia la persona di chi decide, e non è una variazione di poco peso, in un ambito nel quale abbiamo visto quante siano le variabili in gioco. Se cambia il punto di vista, può cambiare anche la descrizione di quanto si vede, pur trattandosi, in apparenza, dello stesso panorama. Inoltre alla Cassazione compete l’esame della sentenza contro cui si ricorre, non dei fatti posti alla base della decisione.

PER CHI SUONA LA CAMPANA.

All’inizio del libro di Hemingway dallo stesso titolo, dal quale è stato tratto un film mediocre, sono riportati alcuni versi da una poesia del poeta e mistico inglese John Donne, morto nel  Seicento; i versi dicono: “La morte di qualsiasi uomo mi sminuisce, perché io sono parte dell'umanità. E dunque non chiedere mai per chi suona la campana: suona per te”.
Così anche io, stasera, cerco di capire per chi suona la campana, che, alla fine di questa riflessione, sembra rintoccare soltanto per i giudici, o, al massimo, i giuristi, cioè quelli che si occupano di diritto.
E invece non è così: se il valore della dignità dell’uomo è universale, la sua difesa, la sua sottolineatura, la sua riaffermazione non può essere questione riservata a pochi, ma interessa tutti. Tutti, perciò, siamo coinvolti, ognuno nel suo specifico. Così chi si occupa di diritto sia attento anche ai profili sostanziali, perché  la forma non può e non deve annullare la sostanza (che è cosa diversa dal sostanzialismo, se intendiamo con quel termine un atteggiamento troppo disinvolto verso le regole, e non deve rifiutare il valore positivo del formalismo, in uno Stato totalitario, come ci ha dimostrato un grande giurista democratico durante il nazismo, Hans Kelsen); chi il diritto lo applica si impegni allo spasimo per mantenere aperta la possibilità di una applicazione che sia ispirata al rispetto della dignità della persona, valore religioso ma anche laico; chi svolge qualunque altro compito nella società sia attento a trovare, e salvare, percorsi di tutela di quel valore; chi, infine, sia un cittadino, cioè tutti, ispiri le proprie scelte politiche e di vita alla centralità della persona. Noi cristiani, infine, se vogliamo essere, o diventare, il  sale e la luce (Mt, 5, 13-16) in attesa del Regno, lievito nella pasta del mondo (Mt. 13, 33), guardiamo alla dignità delle persone con l’amore dovuto ai nostri fratelli in Cristo.
E adesso basta.
Con un immenso grazie per la vostra pazienza e mille scuse per non aver trovato, come disse un grande autore antico, il tempo sufficiente per essere più breve.

Roma, 12 marzo 2015.

Vito D’Ambrosio.

 Nota: pubblico con il consenso dell'autore che ringrazio di cuore.
 Mario Ardigò - Azione Cattolica in san Clemente Papa - Roma, Monte Sacro, Valli