Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

sabato 1 luglio 2017

La parrocchia non è un’isola

La parrocchia non è un’isola


  Quando, nell’ottobre 2015, è venuto il nuovo parroco tra noi, è stata concelebrata una Messa con la partecipazione dei sacerdoti delle parrocchie intorno. Allora ci siamo ricordati che la nostra parrocchia non è un’isola. Qualche volta le parrocchie lo diventano: si trasformano in piccoli regni o, a seconda dell’impostazione prevalente, repubbliche separati dal contesto sociale che c’è al di là di un raggio di qualche centinaio di metri dalla chiesa. Dal punto di vista amministrativo un coordinamento dovrebbe esserci: ogni parrocchia fa parte di un Settore  e di una  Prefettura. Si fanno periodicamente riunioni per fare il punto sulla situazione di queste aree più vaste. Ma dal punto di vista sociale la cosa è diversa: in fondo ci si ignora. Unire le forze potrebbe dare qualche vantaggio. Il progresso umano procede in gran parte per imitazione delle tecniche che hanno dato i migliori risultati. Il confronto potrebbe far emergere quello che non va. Spesso si è piuttosto miopi per quanto riguarda sé stessi. Gli altri ci vedono più realisticamente. La condizione di separazione ha molto nuociuto alla nostra parrocchia. C’è gente, poi, che ha cominciato a frequentare le parrocchie vicine, abbandonando la nostra: collaborare con quelle potrebbe essere l’occasione per recuperarla.
  Ogni attività richiede qualcuno che svolga il ruolo di animatore, in particolare quando si lavora con i più giovani. La gente che serve per questo lavoro scarseggia e comunque ha limitate disponibilità di tempo. Il tempo libero dal lavoro è un privilegio delle società più ricche, la nostra si è piuttosto impoverita negli ultimi anni ed ecco che le persone ne hanno meno. A volte si fanno due o tre lavori. Si lavora anche il sabato e la domenica e negli altri festivi. E non solo in quelle attività che non possono mai fermarsi, come gli ospedali o gli uffici di polizia o i vigili del fuoco. Allora gli animatori devono essere di più per darsi il cambio. Collaborare tra più parrocchie può consentire di far funzionare attività che sarebbe impossibile realizzare con le sole forze di una singola parrocchia, ad esempio un soggiorno all’estero per i più giovani o un ritiro o un convegno. Anche certe esperienze associative, come l’ACR - Azione Cattolica Ragazzi o gli Scout, richiedono quasi sempre, all’inizio, la collaborazione di gente di fuori che provenga da gruppi già avviati.
  A volte ci si isola, a volte si è isolati. E’ possibile che intorno ad una parrocchia si stenda una specie di cordone sanitario. Un motivo di incomprensione o comunque di poca propensione alla collaborazione può sorgere tra parrocchie affidate  al clero secolare, ai preti della Diocesi, o a quello religioso, che appartiene a istituti di vita consacrata (gesuiti, salesiani ecc.), o a quello che proviene da movimenti. Una parrocchia dovrebbe essere caratterizzata dal suo corpo sociale, dovrebbe essere radicata nel quartiere; dovrebbe essere tutto sommato indifferente la condizione del parroco, la sua provenienza religiosa. Ma non è così. Vediamo bene che il parroco fa la differenza, come accade anche in realtà più vaste, ad esempio con un vescovo o con un papa. Cambiano loro e cambia tutto.
 Le parrocchie con le quali condividiamo un corpo sociale  e tanti problemi sono San Frumenzio, il Redentore e gli Angeli Custodi.  Nelle zone di confine la gente non rispetta sempre la suddivisione amministrativa e va dove si trova meglio ed è più comodo. Accade, ad esempio, con la gente degli isolati subito oltre via Conca d’Oro, verso via Nomentana, che amministrativamente appartengono alla parrocchia degli Angeli Custodi. Quest’ultima è inserita addirittura in un’altra Prefettura ecclesiastica, sebbene le Valli facciano parte del quartiere Monte Sacro come la zona degli Angeli Custodi. Con gli Angeli Custodi, ad esempio, condividiamo il problema sociale della gente, in prevalenza straniera e povera, accampata sulle rive dell’Aniene. Si tratta di poveri che spesso gravitano intorno ai servizi sociali parrocchiali. Le società che abitano le due parrocchie esprimono anche problemi politici e di criminalità  analoghi. Conoscersi e collaborare sarebbe una buona idea. Si dice che “l’unione fa la forza”. Una  delle commissioni di un rinnovato Consiglio pastorale potrebbe dedicarsi a questo:  a creare dei legami innanzi tutto conoscendo  quelli al di là dei nostri confini e poi provando a programmare attività comuni. Bisognerebbe essere consapevoli di ciò che si sta facendo nelle parrocchie vicine, di dove si è arrivati con il programma e dei risultati conseguiti.
  A lungo ci siamo pensati come una realtà assediata  dal mondo intorno. Gli sforzi, allora, sono stati prevalentemente volti a rinforzare le mura. Ma avevamo ragione di pensarla così? Il male c’è in società, chi può negarlo? Bisogna essere realisti.  Ma davvero la società in cui viviamo, in particolare il nostro quartiere, ne è talmente impregnato che non ci resta che barricarci? Proprio volendo essere realisti, ci si può facilmente convincere che non è così. Ci siamo fatti un’idea sbagliata della gente del quartiere.  Come hanno fatto le parrocchie intorno? Anche loro, negli anni passati, hanno scelto di corazzarsi? E anche se lo avessero fatto, non è possibile pensare di fare diversamente? La strategia indicata dal nostro Vescovo nell’Esortazione La gioia del Vangelo è comunque diversa dal barricarsi.
 Mario Ardigò - Azione Cattolica in San Clemente papa - Roma, Monte Sacro Valli


Nessun commento:

Posta un commento